Navigation

ZG: scomparsa studentessa danese di 20 anni, enigma per polizia

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2013 - 18:26
(Keystone-ATS)

Olivia Ostergaard, una studentessa danese di 20 anni, è scomparsa da martedì mattina a Zugo. Malgrado un appello a eventuali testimoni e un'ampia operazione di ricerca non vi sono finora tracce della giovane. La polizia cantonale ha quindi lanciato un nuovo appello. In Danimarca la sparizione è su tutte le prime pagine e numerosi giornalisti hanno raggiunto in queste ore la Svizzera.

La giovane donna, che vive da otto anni nella Confederazione e parla correntemente svizzero tedesco, è uscita martedì mattina alle 5.30 dal suo appartamento di Zugo con l'intenzione di recarsi all'Università di Zurigo. Dai suoi compagni di corso è tuttavia emerso che quella mattina Olivia Ostegaard non si è presentata a lezione. Da allora si sono perse le sue tracce.

La polizia è "estremamente preoccupata" dalla scomparsa, ha indicato all'ats il portavoce Marcel Schlatter: "è decisamente strano che una 20enne non usi il suo telefono cellulare da quattro giorni". Il telefonino è spento ed è impossibile localizzarlo.

Nel frattempo le forze dell'ordine di Zugo hanno controllato fiumi e corsi d'acqua, coadiuvate da diversi cani poliziotto. Un natante della polizia lacuale ha anche controllato le rive del lago di Zugo, ma senza esito. Non vi è finora alcun indizio del fatto che si tratti di un caso di violenza o di un rapimento, sottolinea Schlatter.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo