Navigation

ZH: "regole valgono per tutti", Fehr (PS) su "Black lives matter"

Il consigliere di Stato zurighese Mario Fehr (PS) sulle manifestazioni del "Black lives matter": "Le regole valgono per tutti" (foto d'archivio) KEYSTONE/WALTER BIERI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2020 - 14:28
(Keystone-ATS)

Il consigliere di Stato zurighese Mario Fehr (PS), capo del dipartimento della sicurezza, se la prende con i 10'000 manifestanti che sabato corso sono scesi in strada a Zurigo intonando "Black lives matter".

"Le regole valgono per tutti", ha detto oggi il membro del governo cantonale davanti ai media, con riferimento all'atteggiamento delle autorità e della polizia cittadine che non sono intervenute.

Per Mario Fehr non è accettabile che singoli gruppi si considerino più importanti di altri e scendano in strada, violando le norme per il coronavirus che vietano i raduni di più di 300 persone. "Anche chi vuole esprimersi politicamente deve accettare alcune limitazioni".

La pandemia di Covid-19 ha già provocato l'annullamento di una votazione popolare e di diverse sessioni parlamentari, ha ricordato il responsabile cantonale, preannunciando che "in futuro applicheremo la legge e tratteremo tutti allo stesso modo".

Il Consiglio federale dovrebbe decidere domani su un ulteriore allentamento delle misure di protezione dal coronavirus, ed in particolare su una possibile estensione ai raduni fino a 1000 persone.

Da tempo fra Mario Fehr e una parte della sinistra non scorre buon sangue. Negli ultimi anni il consigliere di Stato socialista è stato contestato a più riprese dai Giovani socialisti e da una parte del PS della città di Zurigo per le sue posizioni giudicate troppo vicine a quelle della destra borghese, in particolare su questioni riguardanti l'asilo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.