Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un uomo di 40 anni - un cittadino svizzero di origini irachene - ha accoltellato la moglie 38enne ieri sera in una moschea a Nänikon, nel comune di Uster (ZH).

La donna ha riportato gravi ferite, ma la sua vita non sarebbe in pericolo. L'uomo è stato fermato dalla polizia a Zurigo dopo una breve fuga.

L'aggressione è avvenuta verso le 19.00, indica oggi in una nota la polizia cantonale. Prima dell'accoltellamento, l'uomo ha cercato di investire con la sua vettura la moglie. La donna è riuscita ed evitare l'impatto ed ha cercato rifugio nella vicina moschea, dove il marito ha estratto il coltello e l'ha colpita più volte.

In attesa dell'arrivo dei soccorsi, la donna è stata assistita da persone che si trovavano nella moschea. La polizia ha lanciato una grossa operazione di ricerca e verso le 20.30 ha potuto arrestare il presunto accoltellatore nella città di Zurigo.

La polizia cantonale e il Ministero pubblico IV hanno aperto un'inchiesta per chiarire le circostanze esatte del dramma.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS