Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È salva nel canton Zurigo la commissione consultiva per i cosiddetti "casi di rigore" nel settore dell'asilo: i votanti hanno oggi respinto con una maggioranza del 68,2% una iniziativa dell'UDC mirante ad abolirla definitivamente. Partecipazione: 46,1%.

Il "no" delle urne mette fine alla lunga battaglia dell'Unione democratica di centro contro la Härtefallkommission. Alla "benpensante" commissione l'UDC rimproverava di prolungare inutilmente le procedure riguardanti i richiedenti "bocciati" che si trovano in Svizzera da lungo tempo: i cosiddetti "casi di rigore" che in base a determinati criteri applicati con maggiore o minore severità dai singoli cantoni possono ottenere un permesso di dimora.

L'UDC aveva tentato a più riprese di ottenere la soppressione della commissione nel parlamento cantonale, dopo di che, due anni fa aveva lanciato l'iniziativa sulla quale si è ora votato, sostenendo che i richiedenti asilo hanno strumenti giuridici a sufficienza per ricorrere contro le decisioni delle autorità. Il governo cantonale raccomandava di respingerla, mentre fra i partiti soltanto il PLR si è schierato dalla parte dell'UDC.

I richiedenti asilo respinti e i sans-papiers possono chiedere un permesso di dimora se vivono in Svizzera da almeno cinque anni e sono bene integrati. La decisione delle autorità non può essere oggetto di ricorso, ragione per cui una commissione consultiva - composta di nove specialisti indipendenti - esamina preliminarmente i dossier ed emette una raccomandazione. Se questa è contraria alla decisione dell'ufficio cantonale della migrazione, il dossier arriva sul tavolo del capo del Dipartimento della sicurezza. Se anche lui condivide il parere della commissione, il caso è trasmesso all'Ufficio federale della migrazione.

La commissione, istituita a Zurigo in questa forma dal 2010, ha esaminato 81 casi nel primo anno di attività. Nel 2014 i dossier trattati si sono ridotti a 26. Complessivamente, 42 richieste sono state trasmesse al ministro cantonale e questi ne ha sostenute 23.

Gli zurighesi hanno inoltre rifiutato, con maggioranze rispettivamente del 59,4 e del 64,3%, una revisione della Costituzione cantonale e una modifica della legge sui comuni riguardanti la fissazione delle tasse sulle prestazioni pubbliche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS