Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A quattro giorni dal suicidio in carcere della donna di 27 anni che lo scorso primo gennaio avrebbe ucciso i suoi due figli a Flaach (ZH), l'Ufficio zurighese per l'esecuzione delle pene è convinto di avere rispettato le norme relative alla detenzione donna.

In particolare - scrive l'Ufficio oggi in una nota in cui ripercorre le varie fasi della detenzione preventiva - era stata la stessa detenuta a chiedere di rimanere da sola in una cella. La direzione della prigione e gli psichiatri che la seguivano avevano deciso di accettare la sua richiesta.

Subito dopo il dramma famigliare, la donna era stata portata nella sezione chiusa della clinica psichiatrica di Rheinau (ZH), una struttura con posti limitati in cui i detenuti vengono seguiti durante le fase critica di una crisi.

Alla fine di aprile, dopo una valutazione medico-psichiatrica, la detenuta è stata trasferita nella prigione di polizia di Zurigo. Poco dopo il trasferimento ci sono verificati due episodi che "facevano pensare alla preparazione di un tentativo di suicidio".

La donna è stata quindi trasferita in una cella di sicurezza, da dove è stata nuovamente trasferita una volta venuti meno gli indizi di un possibile suicidio. La detenuta è stata comunque seguita anche in seguito da esperti di varie discipline ed aveva la possibilità di comunicare con i conoscenti.

È proprio sulla base di una lettera che gli è stata consegnata il giorno stesso del suicidio della 27enne che il vedovo - che si trova a sua volta in detenzione preventiva in un'altra prigione - ha rivolto dure accuse alle autorità zurighesi, da lui considerate responsabili della morte della moglie.

L'uomo ha deciso di sporgere denuncia contro il Dipartimento di giustizia, la procuratrice competente, l'avvocatessa d'ufficio che curava gli interessi della moglie, lo psichiatria ed altre persone che si sono occupate del caso. Il vedovo accusa tutte queste persone di "istigazione e aiuto al suicidio", ha detto la portavoce della Procura generale Corine Bouvard, confermando una notizia pubblicata oggi dal "Blick".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS