Due giovani rapinatori - uno svizzero di 18 anni e un kosovaro 22enne - hanno messo a segno l'anno scorso diverse rapine ai danni di negozi del canton Zurigo ed hanno confessato di aver utilizzato il bottino per acquistare droga e pagare prostitute.

I due sono stati fermati in novembre dopo un colpo in un negozio di alimentari del distretto di Dielsdorf, indica oggi la polizia cantonale zurighese.

Il più giovane aveva ancora in tasca diverse centinaia di franchi ed ha confessato di essere l'autore di cinque rapine a mano armata messe a segno fra settembre e novembre.

Il 22enne ha ammesso di aver preso parte ai colpi soltanto dopo diversi mesi di detenzione preventiva. Ha inoltre confessato cinque furti con scasso che risalgono alla primavera di un anno fa.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.