Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

ZH: ex moschea An'Nur, in otto giudicati colpevoli aggressione

Un disegno mostra gli imputati durante il processo al Tribunale distrettuale di Winterthur, nel cantone di Zurigo (foto d'archivio).

KEYSTONE/LINDA GRAEDEL

(sda-ats)

Otto affiliati dell'ex moschea An'Nur di Winterthur (ZH) sono stati giudicati colpevoli dell'aggressione a due altri frequentatori che consideravano "spie". Due imputati sono invece stati assolti.

Nella sentenza presentata stamani, il Tribunale distrettuale di Winterthur ha fissato pene detentive fra i 6 e i 18 mesi con la condizionale e in alcuni casi pene pecuniarie, pure sospese, per le accuse di sequestro di persona, coazione e minacce.

Per due imputati - un giovane afgano e un macedone - la corte ha ordinato l'espulsione dalla Svizzera per un periodo di sette anni. La sentenza non è ancora definitiva e può ancora essere impugnata davanti alle istanze superiori.

Sul banco degli imputati erano comparsi agli inizi di ottobre otto giovani fra i 17 e i 24 anni d'età, un 54enne libico che fungeva da imam principale e il 49enne presidente dell'associazione che gestiva la moschea.

Una della persone assolte è il presidente della moschea An'Nur, definitivamente chiusa nel giugno di un anno fa. Il Tribunale lo ha prosciolto da tutte le accuse, per non aver preso parte all'aggressione, e gli ha riconosciuto un risarcimento di 18'000 franchi.

L'imam 54enne è invece stato condannato ad una pena pecuniaria con la condizionale di 180 aliquote per l'accusa di sequestro di persona.

I fatti risalgono al 22 novembre del 2016, quando due frequentatori della controversa moschea vennero picchiati e minacciati.

Gli aggressori erano convinti che i due avessero trasmesso informazioni al giornalista Kurt Pelda su un controverso sermone tenuto un mese prima da un 25enne imam etiope. Per quel sermone il predicatore etiope è stato condannato nel novembre di un anno fa a 18 mesi di detenzione con la condizionale e a 10 anni di espulsione dalla Svizzera.

La moschea An'Nur era considerata un luogo di radicalizzazione islamica. Secondo varie fonti, sarebbero almeno cinque i ragazzi partiti dalla città zurighese verso la Siria per la jihad, la guerra santa islamica, nelle file dell'Isis.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.