Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex responsabile dell'amministrazione del carcere di Affoltern am Albis, nel canton Zurigo, è stato condannato oggi a 12 mesi di detenzione con la condizionale per due anni: dal gennaio 2012 all'agosto 2014 aveva sottratto dalla cassa del penitenziario e intascato quasi 48'000 franchi, poi utilizzati per pagare debiti privati.

Il tribunale distrettuale ha riconosciuto l'imputato 47enne colpevole di ripetuta amministrazione infedele e ripetuta falsità in documenti. I soldi sottratti dovranno essere restituiti.

Le indagini erano partite da una denuncia di irregolarità a carico di una secondina oggi 29enne. La donna sarà giudicata in un secondo tempo per abuso d'autorità e violazione della legge sugli stupefacenti: tra settembre 2013 e luglio 2014 avrebbe rifornito di marijuana, cocaina e anabolizzanti, su loro richiesta e a pagamento, alcuni detenuti. Entrambi i funzionari erano stati licenziati con effetto immediato.

Durante l'inchiesta erano emerse carenze e negligenze nel controllo dei flussi finanziari, ragione per cui il direttore del carcere era stato sospeso. Non è però risultato niente di penalmente rilevante nei suoi confronti. All'uomo è stato così assegnato un altro incarico, non meglio precisato, nell'ambito dell'esecuzione penale. Secondo informazioni dell'autorità di esecuzione giudiziaria non gli è stato ancora trovato un successore ed è attualmente applicata una "soluzione interinale".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS