Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Nel canton Zurigo i nomi degli allievi che si trovano sotto inchiesta per reati violenti saranno segnalati ai responsabili degli istituti scolastici. La misura, annunciata oggi dalla magistratura dei minorenni, è una conseguenza della vicenda dei tre allievi zurighesi accusati di aver brutalmente picchiato cinque persone durante una gita a Monaco di Baviera.
Agli istituti scolastici saranno trasmesse informazioni sugli scolari contro i quali sono stati aperti procedimenti penali per lesioni personali, risse e reati sessuali. Le segnalazioni non riguarderanno tuttavia gli episodi meno gravi in cui nessuno subisce danni, precisa la magistratura zurighese dei minorenni nella nota.
A proporre la misura è stato un gruppo di lavoro sulla violenza giovanile istituito nel canton Zurigo dopo i fatti accaduti il 30 giugno 2009 a Monaco di Baviera. Tre allievi di una classe della scuola di avviamento professionale di Küsnacht (ZH) che partecipavano ad una gita scolastica sono tuttora sotto processo in Germania per le accuse di tentato assassinio e lesioni pericolose. I tre scolari erano già stati al centro di vari procedimenti penali nel canton Zurigo, ma la prassi sinora in vigore non prevede alcun obbligo di segnalazione alle autorità scolastiche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS