Navigation

ZH: muore in cella "asilante" nigeriana che doveva essere espulsa

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 giugno 2011 - 13:01
(Keystone-ATS)

Una richiedente l'asilo nigeriana, di 30 anni, è deceduta stamane in una cella della caserma di polizia di Zurigo. Lo indica una nota odierna delle forze dell'ordine, in cui si precisa che le cause esatte della morte non sono ancora note.

Un sorvegliante ha trovato la donna priva di conoscenza poco dopo le 06:30, mentre le stava portando la colazione. A nulla sono valsi i successivi tentativi di rianimarla e l'intervento dei soccorritori e del medico d'urgenza.

Il ministero pubblico zurighese ha ora avviato un'inchiesta, in cui sarà coadiuvato dall'Istituto di medicina legale.

A causa del suo strano comportamento, la richiedente l'asilo era stata fermata all'aeroporto di Zurigo ed era poi stata arrestata il primo giugno, indica il comunicato. Dagli accertamenti successivi è stato appurato che la sua domanda d'asilo era stata respinta e avrebbe già dovuto lasciare la Svizzera nell'agosto 2009. Oggi la richiedente avrebbe dovuto essere portata nel canton Lucerna, a cui era stata attribuita.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.