Navigation

ZH: niente anticipo per tratta ferroviaria

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2010 - 15:16
(Keystone-ATS)

ZURIGO - A Zurigo è stata bocciata con il 69,9% di voti contrari un'iniziativa dell'Associazione traffico e ambiente (ATA) che chiedeva al Cantone di anticipare 520 milioni di franchi per potenziare il corridoio ferroviario fra Zurigo e Winterthur. La partecipazione ha raggiunto il 33%.
L'anticipo fatto alla Confederazione sarebbe dovuto servire a potenziare il tracciato, che è già oggi molto trafficato, con la realizzazione di quattro binari. Nella medesima tratta, le FFS prevedono di investire nei prossimi anni circa 430 milioni di franchi. L'iniziativa dell'ATA era sostenuta dal PS e dai Verdi ed era combattuta dal governo e dalla maggioranza del Gran Consiglio.
Con una maggioranza del 91,6% gli zurighesi hanno invece approvato una modifica costituzionale decisa per per adattarsi al nuovo codice di procedura penale federale. La principale conseguenza sarà l'abolizione, dal 2011, della Corte cantonale di cassazione.
L'esito della votazione ha un valore puramente formale: anche se gli zurighesi avessero detto "no" il tribunale sarebbe comunque stato soppresso, visto che in questo caso il diritto federale ha la precedenza su quello cantonale. Dall'anno prossimo il cantone abolirà pure la corte d'assise con i giurati popolari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?