Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia cantonale zurighese ha arrestato un presunto hacker che si era introdotto illegalmente a fine gennaio nella rete del Politecnico federale di Zurigo (ETH). Lo comunica oggi la scuola. Lo studente, colto in flagrante, si trova in detenzione preventiva.

Il presunto colpevole si era registrato per alcuni giorni nel sistema informatico del Politecnico, scaricando dati sensibili. Grazie all'intervento congiunto del Ministero pubblico, delle forze dell'ordine e dell'ETH, è stato arrestato dopo una decina di giorni.

Lo studente era stato colto sul fatto mentre perpetrava il reato dal suo computer personale. Secondo la nota, il Politecnico, dopo aver riscontrato la violazione il 26 gennaio scorso, aveva subito avviato le misure di sicurezza necessarie per impedire ulteriori accessi illegali. Una denuncia contro ignoti era stata sporta alla divisone del Ministero pubblico che si occupa di crimini informatici.

Il Politecnico sta ora analizzando il caso, con lo scopo di ricostruire i vari passaggi che hanno permesso allo studente di violare la rete.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS