Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un 70enne con la doppia nazionalità svizzera e polacca è stato condannato a Zurigo a 30 mesi di prigione, di cui 9 da scontare, per aver ottenuto più di 270'000 franchi dall'assistenza sociale e aver nascosto alle autorità di essere proprietario in Polonia di diverse abitazioni.

L'uomo ha intascato gli aiuti fra dicembre 2002 e marzo 2014, sotto forma di aiuti sociali e di prestazioni complementari all'AVS che gli sono stati concessi a Zurigo e anche dopo il trasloco a Schlieren (ZH). Le autorità sono poi venute a sapere che possedeva una villa e diversi appartamenti in Polonia, come pure un conto in banca sul quale aveva depositato 120'000 franchi, nell'ambito di una procedura di divorzio.

Il Tribunale distrettuale di Zurigo ha riconosciuto l'uomo colpevole di truffa per mestiere e lo ha pure condannato a restituire i 270'000 franchi ingiustamente percepiti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS