Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Hanno trovato una parziale conferma le accuse di irregolarità rivolte ai quadri dirigenti dell'Ufficio cantonale zurighese della migrazione. Dopo la pubblicazione di una perizia esterna, il capo dell'Ufficio ha deciso di lasciare l'incarico per favorire una riorganizzazione.
"Inviano senza ritegno immagini pornografiche, fanno pause molto lunghe, effettuano commissioni private durante il lavoro e passano molto tempo su Facebook": queste alcune delle accuse rivolte lo scorso di maggio da alcuni collaboratori dell'Ufficio ai loro superiori. Il catalogo di rimproveri era stato affidato all'avvocato Ueli Vogel-Etienne, che intendeva sottoporlo al parlamento e al consigliere di Stato competente. Un deputato UDC aveva però fatto scoppiare lo scandalo trasmettendo l'incarto alla stampa.
Il rapporto pubblicato giunge alla conclusione che la maggioranza dei dipendenti dell'ufficio in questione lavorano correttamente. Per una "minima parte" di loro le critiche riguardanti le lunghe pause e l'uso disinvolto di internet hanno invece almeno in parte trovato conferme.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS