Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I lavori del Gran consiglio di Zurigo sono iniziati stamani con una ventina di minuti di ritardo a causa di un fulmine che ha danneggiato l'impianto del suono e diversi schermi. La saetta ha colpito ieri sera il tetto del "Rathaus" - che ospita i parlamenti del Cantone e della Città - e ha fatto scattare l'allarme collegato con la centrale della polizia.

Gli agenti, arrivati sul posto per verificare se ci fossero intrusi, sono presto arrivati alla conclusione che a far scattare l'allarme era stato un fulmine, ha detto all'ats l'usciere Peter Sturzenegger.

Si è inoltre scoperto che oltre all'impianto di sicurezza, la folgore ha messo fuori uso anche le attrezzature audio e video del parlamento. Prima di iniziare i lavori si è perciò dovuto attendere che venisse messo in funzione un registratore d'emergenza. Altro inconveniente: per i loro interventi i singoli deputati si sono dovuti spostare sul podio centrale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS