Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo Stato-arcipelago di Tonga, nel Pacifico (103 mila abitanti), ha dichiarato lo stato di epidemia di Zika, dopo aver confermato cinque casi dalle analisi del sangue di quasi 260 persone.

Il virus trasmesso dalla zanzara Aedes aegypti è collegato a difetti di nascita, in particolare la microcefalia.

L'annuncio è stato fatto dal capo del Dipartimento della Salute Reynold Ofanoa, precisando che nessuno dei casi confermati è di donne incinte. "Abbiamo dichiarato un'epidemia di Zika dopo aver notato un aumento nel numero di pazienti con febbre acuta ed eruzioni cutanee", ha detto Ofanoa alla radio australiana Abc. "Secondo i dati fino al 31 gennaio, abbiamo 259 casi con sintomi del virus Zyka. Abbiamo condotto esami del sangue e cinque casi sono stati confermati".

Le autorità sanitarie tengono sotto monitoraggio le donne in gravidanza per identificare possibili casi di infezione, ha detto Ofanoa. "Lavoriamo con gli ostetrici per individuare qualsiasi caso di donne incinte che presentino sintomi e per seguire la loro gravidanza fino al parto".

Negli ultimi anni si sono già registrati casi di Zika nella regione del Pacifico, particolarmente in Polinesia francese e a Vanuatu. Le Isole Samoa, che hanno denunciato il primo caso di contagio lo scorso novembre, sono state aggiunte a una lista di oltre 20 Paesi in cui la trasmissione del virus è in corso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS