Navigation

Zuckerberg, Libra non vuole essere moneta sovrana

Zuckerberg cerca di rassicurare i critici. KEYSTONE/FR67404 AP/NICK WASS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2019 - 19:41
(Keystone-ATS)

Libra, la valuta criptovaluta di Facebook, non vuole essere una moneta sovrana: non cerca di entrare nell'arena della politica monetaria. È il messaggio di Mark Zuckerberg alla commissione servizi finanziari della Camera, davanti alla quale sarà sentito domani.

Nel testo diffuso del suo intervento, Zuckerberg mette in evidenza come Libra potrebbe essere un rimedio per le disuguaglianze perché potrebbe consentire a milioni di persone che non usano le banche di accedere al sistema finanziario.

Libra "estenderà la leadership finanziaria dell'America ma anche i suoi valori nel mondo. Se l'America non innova, la nostra leadership finanziaria non è garantita", prosegue Zuckerberg. Libra non sarà comunque lanciata senza il via libera degli Stati Uniti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.