Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Ministero pubblico di Zugo ha portato a termine le indagini contro l'ex responsabile delle finanze cittadine Ivo Romer (PLR). Il municipale si era dimesso alla fine del 2012, dopo essere finito al centro di un'inchiesta per appropriazione indebita.

Le parti hanno ancora la possibilità di dire la loro e chiedere ad esempio complementi d'inchiesta, ha detto all'ats il portavoce dell'autorità inquirente, Marcel Schlatter, confermando notizie della "Zuger Zeitung" e della "Luzerner Zeitung". Soltanto in seguito l'atto d'accusa sarà inoltrato al tribunale competente.

Il caso era scoppiato nel novembre del 2012: il settimanale "Weltwoche" aveva riferito che Romer - che oggi ha 51 anni - era finito sotto inchiesta perché sospettato di aver sottratto diversi milioni di franchi ad un'anziana signora deceduta all'età di 96 anni.

Il Ministero pubblico di Zugo aprì un procedimento penale che portò a diverse perquisizioni, compresa quella della sede della Fidustra SA, la società di consulenza dell'indagato. Nel giro di qualche giorno Romer annunciò le sue dimissioni "per motivi di salute". L'ex municipale ha comunque sempre respinto ogni accusa.

Della vicenda si è occupata anche una commissione parlamentare d'inchiesta (CPI). Quest'ultima ha pubblicato un anno fa un rapporto in cui viene escluso che i colleghi di municipio avessero intenzionalmente chiuso un occhio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS