Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un ex partner d'affari zughese della leggenda tedesca del tennis Boris Becker chiederà alla Corte d'appello cantonale il rimborso di un prestito di oltre 40 milioni di franchi.

KEYSTONE/EPA/JEROME FAVRE

(sda-ats)

Un ex partner d'affari zughese della leggenda tedesca del tennis Boris Becker non molla la presa e chiederà alla Corte d'appello cantonale il rimborso di oltre 40 milioni di franchi.

Il Tribunale cantonale di Zugo lunedì ha infatti reso noto di aver respinto la causa civile. I giudici hanno riconosciuto che esiste un prestito di 41,7 milioni concesso da Hans-Dieter Cleven nei confronti di Becker, ma questo accordo non è stato disdetto secondo i termini di legge e quindi non è possibile richiedere il rimborso.

L'uomo d'affari però non ci sta e ha deciso di inoltrare ricorso dalla Corte d'appello. La sentenza è infatti considerata errata, ha reso noto oggi il suo legale.

Indipendentemente da questa causa civile, l'ex partner di Becker chiederà il rimborso anche in Inghilterra. L'ex campione di tennis è infatti recentemente stato dichiarato insolvente da un tribunale di Londra in una vertenza per il rimborso di sei milioni di euro ad alcuni banchieri privati.

SDA-ATS