Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Zurich Insurance Group ha dovuto far fronte a un contesto difficile nel primo semestre, contrassegnato da numerose catastrofi naturali e da bassi tassi di interesse. L'utile netto è calato del 17% rispetto ai primi sei mesi del 2012, a 1,85 miliardi di dollari (1,73 miliardi di franchi).

L'utile operativo (Business Operating Profit, BOP - un criterio ideato dalla stessa compagna per confrontare la performance) si è contratto del 9% a 2,29 miliardi di dollari, per un volume d'affari in calo del 3% a 36,24 miliardi di dollari, indica in una nota odierna il gruppo assicurativo zurighese.

Per effetto del debole livello dei tassi di interesse e rettifiche di valore il risultato netto degli investimenti ha subito una flessione del 20% a 3,32 miliardi di dollari.

Sembra d'altro canto difficile raggiungere gli obiettivi di medio termine nel settore danni (General Inusurance) e nella filiale americana Farmers, si legge nella nota. La compagnia comunicherà i nuovi obiettivi in dicembre.

La combined ratio - ossia il rapporto tra i costi dei sinistri e altre spese rispetto ai premi - si è attestata al 95,6%, in aumento di 0,7 punti su base annua. Nel comparto danni la raccolta premi ha raggiunto 19,8 miliardi di dollari, in crescita del 3%. Il BPO si è invece ridotto del 16% a 1,37 miliardi di dollari.

Secondo quanto indicato in luglio, nel solo secondo trimestre le catastrofi naturali verificatesi in Europa e negli Usa hanno pesato per 278 milioni di dollari sui conti dell'assicuratore. Le inondazioni in Germania, Repubblica ceca, Austria, Ungheria e Slovacchia sono costate circa 140 milioni, mentre i tornado nell'area di Oklahoma City hanno avuto un impatto di 138 milioni.

Nel ramo vita (Global Life) sono stati registrati premi per 13,0 miliardi di dollari, in diminuzione dell'11%. Il risultato operativo è rimasto invariato a 659 milioni.

Quanto a Farmers Management Services, unità attiva negli Stati Uniti nella gestione di portafogli di contratti assicurativi, le entrate sono in leggero calo (-1%) a 1,41 miliardi di dollari. L'utile operativo è invece aumentato del 17% a 696 milioni.

Le cifre presentate oggi hanno deluso gli investitori. Quelli consultati dall'agenzia finanziaria AWP avevano pronosticato un utile netto di 1,9 miliardi di dollari e un risultato operativo di 2,4 miliardi. Alle 14.30 in borsa il titolo perdeva il 3,65%, mentre il listino principale SMI segnava un ribasso dell'1,09%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS