Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un consigliere comunale zurighese dell'UDC che lunedì sera in un ristorante della città sulla Limmat ha minacciato un avventore con un coltellino da tasca è stato posto in arresto. Nei suoi confronti è stata chiesta la detenzione preventiva, ha detto oggi all'ats la portavoce del Ministero pubblico Corinne Bouvard, confermando una notizia del "Blick". Nei confronti del 57enne è stata aperta un'inchiesta per minacce.

Secondo la ricostruzione del "Blick", l'uomo avrebbe agito sotto l'influsso dell'alcol. I fatti sono avvenuti all'interno di un ristorante che appartiene ad un cuoco noto per la partecipazione ad una trasmissione di una tv locale: oltre ad aver importunato gli avventori, il politico UDC ha preso a pugni un barista e impugnando un coltellino da tasca ha minacciato di tagliare la gola ad un cliente.

"Una vicenda molto sgradevole per il partito", ha detto all'ats Mauro Tuena, capogruppo UDC nel consiglio comunale di Zurigo. Per Tuena è chiaro: il 57enne - che siede nel parlamento cittadino dallo scorso mese di maggio - dovrà dimettersi qualora i rimproveri che gli vengono mossi dovessero dovessero trovare conferma. Precisando di aver saputo dell'arresto dai media, il capogruppo ha inoltre auspicato di poter incontrare al più presto l'interessato per chiarire la questione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS