Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli animali simbolo della Svizzera sono i protagonisti di una mostra al Museo nazionale di Zurigo.

KEYSTONE/URS FLUEELER

(sda-ats)

La Svizzera non ha un animale nazionale, ma per esempio la mucca, la marmotta, lo stambecco o il cane San Bernardo vengono indissolubilmente collegati all'identità elvetica. A questi animali è dedicata una mostra al Museo nazionale di Zurigo.

La mostra temporanea, intitolata "bestialmente svizzeri", è adatta a grandi e piccini e potrà essere visitata da venerdì prossimo fino all'11 marzo 2018. Un'esposizione che accompagna il visitatore "alla scoperta di leggende e usanze popolari trasformando le sale espositive in prati e valli alpine", scrivono gli organizzatori in una nota.

Sin dall'antichità gli animali sono molto più che semplici fonti di sostentamento per l'uomo: spesso infatti simboleggiano qualità umane, rappresentano un territorio o compaiono su stemmi di famiglia.

Intorno agli animali sono nate storie e leggende, come quella sulle marmotte narrata da Plinio il Vecchio (23-79 d.C.) nella "Naturalis historia". Lo scrittore e scienziato latino descrive nella sua opera una tecnica assai ingegnosa utilizzata da questi simpatici animali per trasportare il fieno: un animale si stende sulla schiena e funge da "carro", mentre le altre marmotte lo trascinano per la coda fino al ricovero invernale.

Solo alla fine del XVIII secolo sorsero i primi dubbi sulla veridicità di questo racconto, che viene tramandato ancora oggi senza prenderlo ovviamente troppo sul serio.

Anche le imprese di Barry, il leggendario cane San Bernardo, sono giunte fino a noi. Nato nel 1800 presso l’ospizio del Gran San Bernardo e impiegato fino al 1812 come cane da soccorso, avrebbe salvato ben 40 persone sepolte sotto la neve. Barry ha contribuito a rafforzare l'attrattiva turistica della Svizzera nel mondo, trasformando i San Bernardo in cani da valanga per antonomasia. Per alcuni aspetti, le storie incredibili costruite intorno a Barry non hanno alcun fondamento storico.

La Svizzera è anche indissolubilmente legata alle sue mucche: senza questi animali non si produce latte, e senza latte non si producono né cioccolato né formaggio. Tutti prodotti che incarnano la qualità elvetica e riscuotono grande successo a livello internazionale. Lo stambecco, re indiscusso delle montagne, è una vera star di YouTube che attira escursionisti e sciatori nelle Alpi grigionesi.

SDA-ATS