Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Un medico dalla doppia nazionalità, svizzera e kosovara, è stato condannato dal Tribunale distrettuale di Zurigo a 21 mesi di prigione con la condizionale per truffa e falsità in documenti. Il condannato riceveva una rendita di invalidità in Svizzera e dirigeva una clinica nel Kosovo.
Domiciliato a Uster (ZH), il medico ha lavorato in passato all'ospedale universitario di Zurigo. Nel 1995 ha subito un'operazione al cervello che gli ha provocato distrubi della memoria e problemi di concentrazione. In base ai certificati che ne attestavano l'incapacità di lavorare, l'uomo ha ricevuto fra il 2000 e il 2008 circa 550'000 franchi dall'assicurazione invalidità.
In Kosovo il medico ha iniziato a lavorare nel giugno del 2000 come neurologo all'ospedale di Pristina. In base all'atto d'accusa, eseguiva operazioni, si occupava dei pazienti e redigeva rapporti medici. Più tardi è stato nominato direttore di una clinica specializzata in neurologia ed è stato pure professore all'università di Pristina. L'uomo è stato denunciato nel settembre del 2008 e ha passato 78 giorni in detenzione preventiva.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS