Navigation

Zurigo: minaccia strage a scuola, 18 mesi da scontare

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2014 - 10:22
(Keystone-ATS)

Diciotto mesi di prigione da scontare per uno svizzero di 21 anni che lo scorso mese di marzo telefonò in una scuola privata di Zurigo minacciando di fare una strage. L'imputato ha detto in aula di avere agito in quel modo per impressionare la sua ragazza, che voleva un giorno di libero perché non era riuscita a prepararsi per un esame.

"Non ne posso più, farò una strage nella vostra scuola", aveva detto il 21enne durante la chiamata. La telefonata aveva provocato un massiccio intervento delle forze dell'ordine, che avevano fatto sfollare dalla scuola di commercio un migliaio di persone.

Durante il processo si è appreso che il giovane è già stato condannato nel 2013 per un furto e altri delitti a 28 mesi di prigione e che in seguito ha anche minacciato di uccidere un'amica. La pubblica accusa ha richiesto nei sui confronti una condanna a 21 mesi di prigione da scontare e la sospensione della condizionale per la pena inflittagli nel 2013.

Il Tribunale distrettuale di Zurigo si è mostrato più clemente: pur sottolineando la sua "considerevole energia criminale", ha ridotto la pena a 18 mesi, senza peraltro revocare la sospensione condizionale della precedente sentenza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?