Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Operazione singolare la notte scorsa per la polizia fluviale di Zurigo che è dovuta intervenire per recuperare un orecchino di diamanti caduto a una donna, all'uscita da un ristorante, nel buco di un tombino nel centro città.

Dopo notevoli sforzi il gioiello è stato ripescato e riconsegnato alla proprietaria.

La polizia, avvisata poco dopo mezzanotte, è giunta sul posto e uno dei sub si è infilato nel tombino nel quale era caduto il prezioso oggetto, senza però trovarlo, indica un comunicato odierno della polizia comunale zurighese. L'agente si è quindi calato nel tombino successivo che si trovava a 20 metri di distanza, ma del diamante ancora nessuna traccia.

Con l'aiuto dei curiosi, che nel frattempo si erano avvicinati, e del personale del ristorante le forze dell'ordine hanno deciso di provare a spingere l'orecchino facendo scorrere dell'acqua in direzione del poliziotto che si trovava nella canalizzazione.

I presenti hanno realizzato una catena umana per passarsi secchi d'acqua da versare nel canale, ma ancora nessun risultato. A questo punto hanno tentato il tutto per tutto e versato contemporaneamente diversi secchi d'acqua, provocando "uno tsunami della canalizzazione", si legge nella nota. Il sub è ricomparso poco dopo con il diamante, applaudito dalla folla.

La proprietaria del prezioso ha dovuto pagare 120 franchi per questo intervento, ma ha lasciato anche una mancia, ha precisato all'ats il portavoce della polizia comunale Marco Cortesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS