Navigation

Zurigo: terminato sciopero operai stazione per pioggia escrementi

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2011 - 11:28
(Keystone-ATS)

Dopo tre giorni di sciopero, sono ripresi stamani i lavori nel cantiere sotterraneo della stazione di Zurigo. Gli operai hanno iniziato a posare appositi canali di scolo per deviare gli escrementi che cadono dai vecchi vagoni delle FFS.

La posa dei canali è una delle misure che hanno portato alla soluzione delle trattative fra il sindacato Unia, le FFS e il consorzio che realizza la nuova stazione sotterranea, hanno annunciato le parti in un comunicato congiunto.

Con il sostegno di Unia, 25 operai del cantiere hanno iniziato lunedì scorso lo sciopero per protestare contro le condizioni di lavoro considerate oltre che "disgustanti, anche pericolose per la salute".

Il cantiere della stazione sotterranea - situato sotto l'attuale "Hauptbahnhof" e che fa parte del futuro passante ferroviario di Zurigo - era stato chiuso già dieci giorni fa per diverse ore. Il problema è causato dalle vecchie carrozze ferroviarie non equipaggiate con servizi igenici a circuito chiuso. Da questi treni, una volta giunti alla stazione centrale di Zurigo, fuoriesce una miscela particolarmente nauseabonda che penetra tra le assi di sostegno al cantiere e finisce sugli operai sottostanti.

Per far fronte al problema, saranno montati sotto i binari che sovrastano il cantiere dei canali che serviranno a raccogliere e deviare le infiltrazioni. Questi lavori dovrebbero essere terminati entro sabato prossimo, in modo che il cantiere possa riprendere i lavori normalmente previsti a partire da lunedì prossimo.

L'accordo fra FFS e Unia prevede anche altre misure, come la chiusura delle porte dei WC dei treni "incriminati" prima dell'arrivo alla stazione centrale. Il sindacato ha accettato di riaprire il cantiere soltanto dopo che le FFS hanno assicurato di dare ai lavoratori la garanzia che il problema sarà risolto al 100%. Altrimenti dovranno essere prese nuove misure.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?