Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

UBS: trimestre in rosso a causa dei crediti subprime

UBS ha perso smalto nel terzo trimestre, ma spera di rifarsi nel quarto

(Keystone)

Per la maggiore delle banche svizzere, la crisi del mercato immobiliare statunitense ha conseguenze pesanti sul risultato del terzo trimestre 2007. La perdita d'esercizio è cifrata a 726 milioni di franchi.

UBS ritiene di poter tornare in zona utili già nel quarto trimestre.

UBS ha comunicato martedì di aver chiuso i conti del terzo trimestre 2007 con una perdita d'esercizio anteimposte di 726 milioni di franchi. Per gli azionisti, la perdita netta – dedotte le imposte e gli interessi minoritari – sarà di 830 milioni di franchi.

La maggior banca elvetica aveva già anticipato lunedì la forchetta (600-800 mio) entro la quale si situava la perdita generata dalla crisi dei mutui subprime negli Stati Uniti.

Nel settore degli investimenti sul mercato immobiliare, UBS ha perso 4,2 miliardi di franchi, una cifra che ha spinto il bilancio globale del terzo trimestre verso il rosso.

L'ultimo trimestre, ha comunicato UBS, è iniziato in modo positivo. Tuttavia, il settore redditi fissi, cambi e materie prime resta esposto all'insicurezza che regna sul mercato immobiliare statunitense e alla perdita di valore dei titoli ipotecari.

La maggiore banca elvetica avverte che le difficoltà attuali non si risolveranno rapidamente. Il settore investimenti non dovrebbe poter dare un contributo positivo al bilancio di fine anno. Tuttavia, UBS si aspetta di chiudere in attivo l'ultimo trimestre del 2007.

I risultati presentati sono «deludenti», ma UBS promette di correggere il tiro. «Abbiamo adottato una serie di misure per migliorare la performance», ha dichiarato il patron della banca Marcel Rohner. Un nuovo team dirigenziale sta provvedendo a dei cambiamenti per rafforzare i sistemi di controllo e di gestione dei rischi del mercato.

Andamento annuale

Nel corso dei primi nove mesi del 2007, gli utili di UBS hanno raggiunto i 7,713 miliardi di franchi, più di un miliardo in meno dello stesso periodo del 2006 (8,85 miliardi).

Il risultato, crisi subprime a parte, è solido. Non va però dimenticato che nel secondo trimestre del 2007 UBS ha avuto un'entrata straordinaria di 2 miliardi di franchi per aver venduto la sua partecipazione alla banca Bär.

Le unità di UBS che a differenza dell'investment bank non sono state penalizzate dalla crisi legata ai mutui ipotecari hanno avuto un trimestre di tutto rispetto. I risultati sono stati eccellenti nel settore della gestione patrimoniale. Nel terzo trimestre, verso UBS sono sono confluiti 40,2 miliardi di franchi di nuovi capitali. Gli utili per i clienti abbienti della banca hanno raggiunto la cifra record di 2,388 miliardi di franchi.

swissinfo e agenzie

In breve

Per la prima volta da nove anni a questa parte, UBS ha chiuso un trimestre con delle perdite. Questo risultato ha delle conseguenze per il personale: due alti dirigenti hanno dovuto lasciare la banca e nel settore investimenti dovrebbero essere smantellati 1'500 posti di lavoro.

La crisi generata dai crediti subprime non ha risparmiato l'altro gigante bancario elvetico, il Credit Suisse. Già in settembre, il CS aveva annunciato di voler sopprimere 150 posti di lavoro negli Stati uniti e in Gran Bretagna.

Anche altre banche hanno proceduto nello stesso modo. La britannica HSBC, per esempio, ha soppresso 750 posti di lavoro, la statunitense Lehman Brothers 1'200.

Fine della finestrella
(swissinfo.ch)


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×