Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

un capitolo buio della storia Ritratti di sopravvissuti all'internamento amministrativo in Svizzera

Persone innocenti, che non corrispondevano alle norme della società elvetica, vennero internate fino al 1981 in orfanotrofi, prigioni e centri di detenzione. I ritratti di alcune di queste persone sono ora stati pubblicati, insieme alle loro storie di vita.

Le foto in bianco e nero del fotografo Jos Schmid sono immagini forti. Il libro di ritratti Link esternoè stato commissionato dalla CEI (Commissione di esperti indipendenti del Consiglio federale). La richiesta era di concentrarsi sulle vittime del sistema svizzero di "internamento amministrativo". Si tratta del primo di una serie di dieci volumi dedicati alla storia di queste pratiche repressive. 

I racconti Link esternodi alcuni di coloro che sono sopravvissuti all'incuria, alle percosse e persino agli abusi sessuali in questo sistema, mostrano in che misura hanno sofferto. Decine di migliaia di bambini, cresciuti in situazioni di disagio, sono stati sottratti alle loro famiglie, una pratica che si è sviluppata a partire da un'usanza rurale di assumere bambini poveri come servi e lavoratori. Inoltre, le donne e le ragazze sono state sottoposte a sterilizzazione forzata e private della libertà. Alcune sono state allontanate dalla società perché non sposate e incinte, molte sono state sottoposte a pressioni per dare i propri figli in adozione.

Altre donne e uomini sono stati internati per "licenziosità", "ubriachezza" o "renitenza al lavoro". Nel 2016 il Parlamento svizzero ha approvato un credito di 300 milioni di franchi a titolo di risarcimento per le vittime sopravvissute. Il programma di risarcimento è nato dopo che una di queste persone ha condotto una campagna nel 2014.

Quelli che seguono sono sei ritratti, scelti fra le migliaia di persone vittime degli abusi del sistema di internamento amministrativo.

Ritratto di due uomini


(Josschmid.com)

Michel Mischler e Willi Mischler
Poco dopo la nascita di Michel Mischler nel 1960, le autorità svizzere lo hanno portato via ai genitori e rinchiuso in un orfanotrofio, dove ha trascorso gli undici anni successivi. La mancanza di attenzione da parte di insegnanti, badanti e suore, ha contribuito ai problemi di sviluppoLink esterno di Michel. Nell'orfanotrofio ha subito abusi fisici e mentali, gli insulti erano regolari. "Sei un buono a nulla, non sei niente e non arriverai da nessuna parte", era una frase ricorrente. Trascorre anche alcuni periodi in carcere. Suo fratello, Willi Mischler, ha riferito di essere stato sottoposto a un trattamento simile ed è stato testimone di abusi su altre persone, ma le suore dell'orfanotrofio hanno respinto le accuse.

Ritratto di donna
(Josschmid.com)

Marianne Steiner
Nata fuori dal matrimonio nel 1951, dopo che sua madre era rimasta incinta in giovane età, è data in affidamento e lavora come domestica per la famiglia affidataria. È un insieme di circostanze che ha gettato un'ombra sugli anni giovanili di Marianne. Anche se le cose sembrano prendere una svolta positiva quando la madre di Marianne più tardi si sposa, il patrigno è freddo e aggressivo nei suoi confronti. La famiglia che in passato si è occupata di sua madre, prende in affidamento Marianne, ma la tratta male. La gravidanza di sua madre fuori dal matrimonio continua a pesare come un'eredità su Marianne. Lo stigma della "donna immorale" grava anche su di lei. La costante demoralizzazione ha contribuito alla sua bassa autostima. Le autorità l'hanno presa di mira, considerandola una donna sessualmente immorale e l'hanno fatta internare. Le circostanze precise del suo internamento non le sono chiare.

Ritratto di uomo
(Josschmid.com)

René Schüpbach
René è stato sostenitore loquace della trasparenza, da quando ha raccontato le proprie esperienze e quelle di altre persone in un libroLink esterno.
"Molti crimini sono stati commessi sotto la copertura della Chiesa e delle misure di assistenza, senza che nessuno fosse chiamato a rispondere delle proprie azioni. No, alcuni di questi criminali vanno ancora oggi in giro sereni e ricevono belle pensioni, i cosiddetti soldi di sangue, senza essere consapevoli delle loro colpe. Le umiliazioni, le violenze mentali e fisiche, le aggressioni sessuali e il lavoro dei bambini". Sebbene ritenga che non sia impossibile per coloro che hanno sofferto di continuare a realizzare i propri sogni nella vita, ricorda che "parecchi" sono finiti in cliniche psichiatriche o si sono addirittura tolti la vita. 

Ritratto di donna
(Josschmid.com)

Mili Kusano
Mili è la figlia di genitori travolti e sfregiati dalla seconda guerra mondiale, il cui alcolismo e la cui violenza sono stati usati per controllare i loro figli, con la conseguente dissoluzione della loro famiglia. Istituto assistenziale e ospedale psichiatrico sono le conseguenze del sistema di internamento amministrativo. All'età di 14 anni, Mili era l'unica bambina collocata in una sezione di pazienti per lo più anziani e con gravi malattie mentali. Diventa oggetto di lezioni, seduta in un camice d'ospedale al centro di una sala conferenze, mentre il professore parla di lei agli studenti. Dopo essere fuggita nella Germania dell'Est, è catturata dalla polizia svizzera e messa in prigione. Una volta rilasciata, si è sentita costretta a lasciarsi il passato alle spalle. Mili non aveva contatti con i genitori e con un curriculum falso è riuscita a trovare lavoro, ha vinto il campionato svizzero di sci nautico a piedi nudi ed è diventata madre di due figlie. All'età di 40 anni ha iniziato a studiare cultura e filosofia all'Università di Friburgo.

Portrait of Heini Steiner
(Josschmid.com)

Henry Steiner
Da ragazzo, nel 1944, Henry visse il ferimento della madre durante un bombardamento accidentale nella Svizzera nord-orientale. Si rifiutò di fare la scuola reclute nell'esercito svizzero e fu arrestato dalla polizia. Dopo essere stato messo in cura, iniziarono altri problemi con le autorità. Fu ricoverato in un ospedale psichiatrico, dove ci vollero quattro mesi di test della sua salute mentale prima di essere rilasciato. Sulle sue esperienze ha scritto un rapporto.

Ritratto di donna
(Josschmid.com)

Marina Byrde
"Lascia ferite profonde", spiega Marina Byrde, a proposito delle proprie esperienze di internamento amministrativo. "Gli svizzeri devono prendere coscienza del fatto che tutto questo è realmente accaduto, non solo in altri luoghi, ma anche qui, in Svizzera".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Sondaggio

Electioni 2019 e la Quinta Svizzera

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.