Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Un centro per sapere tutto sui funghi

Per realizzare il Mycorama, gli architetti si sono ispirati ad un fungo, il Polyporus squamosus

(swissinfo.ch)

Sabato, nelle vicinanze di Neuchâtel ha aperto i battenti un centro unico in Europa: è dedicato interamente ai funghi e al loro mondo.

Ideato dieci anni fa, il Mycorama di Cernier ha una storia complicata. Ostacoli finanziari e politici hanno a tratti fatto credere che non avrebbe mai visto la luce.

Autunno, tempo di funghi. I boschi svizzeri sono presi d'assalto da innumerevoli appassionati che, cestello al braccio, li percorrono alla ricerca di uno sfuggente – e commestibile – premio.

Per i cercatori di funghi, i boschi dell'arco giurassiano sono un buon indirizzo. Per questo non sorprende che il primo centro internazionale dedicato ai miceti sia stato aperto proprio a Cernier, nella Val de Ruz.

Il centro, ospitato da un edificio che assomiglia vagamente ad un fungo, offre spazio sufficiente per mostre permanenti e temporanee.

Malauguratamente, molti di questi spazi rimarranno vuoti ancora a lungo. Problemi finanziari dell'ultim'ora (tra le altre cose uno dei fornitori ha fatto fallimento) hanno forzato gli ideatori del Mycorama a rivedere i loro piani.

Il loro entusiasmo, però, è rimasto lo stesso. Ci sono voluti dieci anni per ottenere tutti i permessi necessari, trovare i fondi ed aprire il centro, l'unico del genere in Europa.

Interesse accademico

Jean Keller, il primo direttore del Mycorama, ha cominciato a battersi per questo progetto a metà degli anni novanta. A spingerlo non è stata la passione culinaria, ma l'interesse accademico.

«Quando si comincia a studiare i funghi è difficile staccarsene», racconta Keller a swissinfo. «Ci sono così tante cose interessanti che ci vorrebbe più di una vita per capirle tutte».

Per Keller, docente di biologia in pensione, una delle sfide maggiori per la realizzazione del centro è stata quella di convincere la gente che la micologia è d'interesse mondiale.

«Anche a livello universitario, la micologia è stata a lungo considerata un campo di ricerca minore», spiega Keller. «I funghi sono studiati da secoli, ma solo come un ramo della botanica. Ora ci si sposta verso la microbiologia e la biotecnologia».

L'utilità dei funghi

Nonostante sia poco conosciuta, la ricerca in ambito micologico ha portato a risultati importanti, come lo sviluppo di antibiotici del calibro della penicillina. Ma i funghi, sottoforma di lieviti, sono coinvolti anche nella produzione del vino o del pane. E sempre da funghi si ottengono tinture e inchiostri.

«Vogliamo informare la gente», racconta Keller. «A scuola i funghi vengono trattati poco e male. Il risultato è che su di essi non si sa nulla: sono parte del nostro quotidiano, ma in molti non se ne rendono conto».

Il centro fornirà ai visitatori informazioni sulla biologia e gli impieghi dei funghi. Per il momento, però, non ci saranno coltivazioni in loco né corsi di cucina.

Gli ideatori del centro sono convinti che il particolare fascino dei miceti sarà sufficiente ad attrarre il pubblico. «I funghi hanno delle forme strane, uniche», commenta Keller. «Il loro colore può cambiare da un momento all'altro, comparire e sparire. Ci sono anni in cui non crescono... Tutti questi piccoli elementi messi insieme dimostrano che i funghi sono ancora qualcosa di misterioso».

swissinfo, Scott Capper, Cernier
traduzione, Doris Lucini

Fatti e cifre

Il progetto Mycorama prevedeva la costruzione di tre edifici per un costo totale di 10 milioni di franchi.
Problemi finanziari hanno portato alla costruzione di un solo edificio; sono stati spesi 5,7 milioni di franchi.
La direzione del Mycorama si aspetta 20'000 visitatori l'anno.
Il centro non è destinato solo al grande pubblico, ma ambisce a collaborare con ricercatori del mondo intero.

Fine della finestrella

Micologia

La micologia è lo studio dei funghi, delle loro caratteristiche genetiche e biochimiche, della loro tassonomia e del modo in cui vengono usati dagli esseri umani. Si occupa anche dei pericoli che rappresentano (avvelenamento, infezioni).

I funghi più studiati e meglio conosciuti sono i lieviti.

Innumerevoli funghi producono tossine, antibiotici o altre sostanze secondarie.

Sono considerati fondamentali per la vita sulla Terra perché interagiscono con innumerevoli altri esseri viventi. Hanno un ruolo anche nel ciclo del carbonio.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×