Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Archiviate anche per quest'anno le Giornate cinematografiche di Soletta

(Keystone)

Tempo di bilanci, dopo le 42esime Giornate cinematografiche di Soletta, che rappresentano ogni anno una sorta di excursus del cinema elvetico dell'anno appena trascorso.

swissinfo parla della rinascita del cinema svizzero con un esperto francese, Serge Sobczynski, uno degli organizzatori del Festival di Cannes.

Nel 2006 al Festival di Cannes Serge Sobczynski ha consacrato una giornata al cinema svizzero nel quadro del programma "Tutti i cinema del mondo". Sobczynski era presente a Soletta in veste di membro della giuria che assegna il premio del cinema svizzero, consegnato mercoledì scorso.

swissinfo: Nel 2006 la Svizzera è stata invitata a partecipare al programma "Tutti il cinema del mondo". Perché questa scelta, visto che la nostra cinematografia è ignorata da qualche anno?

S.S.: Proprio per questo motivo. Il programma del quale mi occupo raggruppa ogni tipo di cinematografia, dalle più famose alle meno conosciute. Mi interessa il cinema che ha avuto momenti di gloria e del quale si parla meno.

Mi sono detto che in Svizzera qualcosa si stava muovendo. Sapevo che c'era un certo dinamismo, soprattutto nel cinema svizzerotedesco, ma non avevo l'opportunità di vedere i film.

Ci sono state anche delle circostanze particolari: una nuova direzione al Festival di Locarno, un nuovo direttore della sezione cinema a Berna ... dei cambiamenti all'interno del cinema svizzero. Tutto ciò ha attirato la mia attenzione e mi ha fatto venir voglia di andare a vedere cosa stava succedendo.

swissinfo: Come è stato accolto il cinema svizzero dal pubblico di Cannes?

S.S.: Le sale erano piene. Abbiamo dovuto mandare via la gente. È stata una sorpresa enorme, una vera scoperta. Dato che avevamo anche invitato l'Austria, gli spettatori pensavano di trovare delle somiglianze. Ma se il cinema austriaco è segnato da una vera depressione nazionale, il pubblico ha constatato che non è il caso del cinema svizzero, che sa trattare i drammi senza restare continuamente nella tragedia.

swissinfo: Nicolas Bideau, il nuovo Mister cinema svizzero, ha per motto il binomio "popolare ma di qualità". Ma i nostri film riescono ad uscire dalla superficialità per dire qualcosa di più profondo?

S.S.: Sento che c'è qualcosa di più profondo: la conferma di un vero spirito nazionale, una scrittura particolare. È un cinema che non assomiglia a nessun altro. Niente a che vedere con il cinema tedesco o con quello francese.

È un cinema specifico, che ha una certa dose di auto-ironia e sceneggiature di qualità. Ho l'impressione che oggi sarei capace di riconoscere molto facilmente un film svizzero, dal suo stile.

swissinfo: Negli anni '60 e '70 il cinema svizzero brillava con nomi come Godard, Tanner, Soutter, Goretta. E poi ... non c'è stato più gran che, anche se i cineasti hanno continuato a lavorare. Come se lo spiega?

S.S.: Si sa che in presenza di grandi maestri è più difficile trovare immediatamente nuove leve. Ci vuole un po' di tempo, le nuove generazioni li devono assimilare, è normale. Ho l'impressione che ci sia stata molta indifferenza nei confronti del cinema svizzero.

Un'indifferenza che forse è positiva, perché i grandi cineasti che ha citato li definirei dei transfrontalieri. Ho l'impressione invece che i cineasti emergenti sono molto più ancorati al proprio paese. Le espressioni artistiche sono sempre il frutto di situazioni dialettiche, di tensioni. È quello che succede oggi.

swissinfo: Per finire, Serge Sobczynski, un film svizzero che l'ha colpita?

S.S.: Tra i film selezionati per il premio del cinema svizzero 2007 ho trovato particolarmente bello "Vitus" di Fredi Murer. E mi è restato impresso – perché è la mia vera scoperta del cinema svizzerotedesco – "Verflixt verliebt" di Peter Luisi, che ho trovato formidabile, truculento, con attori di grande qualità. È questo il cinema che amo.

Intervista swissinfo, Bernard Léchot, Soletta
Traduzione, Raffaella Rossello

Fatti e cifre

La 42esima edizione delle Giornate cinematografiche di Soletta, vetrina della produzione cinematografica svizzera dell'anno appena trascorso, ha avuto luogo dal 22 al 28 gennaio.

Fine della finestrella

SERGE SOBCZYNSKI

Il francese Serge Sobczynski ha lavorato a lungo nel mondo dello spettacolo, come direttore di teatri e orchestre nazionali.

Quindici anni fa si è orientato verso la politica culturale: è stato consulente culturale dell'ambasciatea di Francia in Israele e direttore del settore cultura del Consiglio regionale della Regione Provence-Côte d'Azur.

In questa veste ha incontrato gli organizzatori del Festival di Cannes, cui a domandato di montare nel 2005 il programma "Tutti i cinema del mondo", che vuole mostrare la diversità e la vitalità del cinema mondiale.

La Svizzera è stata ospite di questo programma nel 2006.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.