Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Un magnete per la ricerca

Il centro della Novartis sorgerà nell'ambito del famoso MIT, il Massachusetts Institute of Technology (fonte: www.mit.edu)

La città americana di Boston e le sue università stanno sempre più calamitando centri di ricerca. Soprattutto nel campo della farmaceutica.

Come ha deciso di fare la Novartis, anche altre grosse imprese del settore hanno aperto recentemente centri di ricerca nella regione bostoniana, che punta sempre più a diventare il principale centro di ricerca biomedica nazionale.

"La "big pharma" sembra veramente decisa a puntare su questa regione". Così Rich Aldrich, un dirigente della RC Capital Associates, società che investe in imprese pubbliche e private del settore biomedico, commentava sul Boston Globe martedì l'annuncio della Novartis di aprire un grosso centro di ricerca a Cambrige, alle porte di Boston.

Un centro da 250 milioni per 400 ricercatori...

Il nuovo "Institute for Biomedical Research" (istituto di ricerca biomedica) costerà 250 milioni di dollari (poco meno di 400 milioni di franchi). In un primo tempo occuperà 400 ricercatori, con l'obiettivo è di farli diventare 900. Il centro avrà la sua sede a Cambridge nei pressi di Kendall Square in un locale di proprietà del Massachusetts Institute of Technology, più noto come l'abbreviazione di MIT.

La Novartis non è la prima grande impresa farmaceutica ad aprire un centro di ricerca nella regione bostoniana. Prima di lei lo aveva fatto la Pfizer Inc. di New York. La Merck & Co. Inc. sta costruendo un edificio di 12 piani presso la Longwood Medical Area e occuperà anche lei 400 ricercatori quando il nuovo centro sarà inaugurato nel 2004. Wyeth invece dà lavoro a 800 ricercatori nei suoi laboratori di Cambridge e le prospettive sono di assumere altro personale prima della fine dell'anno.

...accanto a 130 università con 350 mila studenti

Le imprese farmaceutiche sono sempre più attratte da questa regione per la forte concentrazione di ricercatori. Dopo tutto, questa città ospita quasi 130 università, che sono frequentate da circa 350 mila studenti. Qui, solo per citare due nomi, ha la sua sede il MIT e l'università di Harvard,che ospita la principale scuola di medicina degli Stati Uniti, secondo una classifica realizzata da USnews.

Boston da anni ormai calamita sempre più giovani scienziati, che arrivano qui da ogni parte del mondo. Andare a studiare o a specializzarsi in questa regione americana sta ormai diventando l'obiettivo di molti talenti. "Quando, parlando con un giovane ricercatore nomino Boston, i sui occhi cominciano ad illuminarsi" ha dichiarato Paul Herrling, responsabile della ricerca a Novartis, spiegando l'interesse per questa regione americana. Quello che aspirano questi giovani è di conoscere altri esperti del settore, di poter parlare con loro e scambiare le idee.

Una regione già prediletta dagli svizzeri

Anche gli svizzeri sono numerosi. Si calcola che qui vivono circa 2000 cervelli elvetici. La Svizzera, proprio in questa regione, ha aperto due anni fa un consolato scientifico, la Swiss House, con l'obiettivo di assistere questi giovani talenti e aiutarli a ritrovare la strada di casa.

Secondo la Novartis, il nuovo centro cercherà di scoprire nuovi medicinali contro il diabete, le malattie cardio-vascolari e le infezioni. La direzione dell'istituto è stata affidata a Mark Fishman, un esperto delle malattie cardiovascolari, che oltre ad insegnare ad Harvard dirige il centro di ricerca cardiovascolare al Massachusetts General Hospital.

Anna Luisa Ferro Mäder

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza