Un presente sempre più raggiante

L'irradiamento elettromagnetico ad alta frequenza cui è sottoposta la popolazione è aumentato di dieci volte negli ultimi vent'anni. Il forte aumento è dovuto alla diffusione della telefonia mobile e della tecnologia wireless.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 maggio 2009 - 11:14

Secondo uno studio delle università di Basilea e Berna, realizzato nell'ambito del programa di ricerca 57 del Fondo nazionale (FNS), il valore medio di esposizione è oggi di 0,22 volt per metro.

Questo valore rimane ampiamente al di sotto della soglia di tolleranza fissata dalla legislazione svizzera, ma non dice nulla sui picchi d'esposizione, che si verificano per esempio quando il cellulare in funzione è appoggiato all'orecchio.

Ora, sono proprio questi picchi d'esposizione che sono potenzialmente pericolosi per la salute. Le persone che vogliono ridurre l'impatto dell'irradiamento elettromagnetico possono farlo con misure molto semplici, per esempio rinunciando al telefono senza fili in casa, limitando le chiamate con un cellulare all'aperto e servendosi di un auricolare.

Per ottenere dati sull'irradiamento, i ricercatori hanno equipaggiato 166 persone nella regione basilese con apparecchi di misurazione portatili.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo