Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Una ditta che stampa milioni di giornali nel mondo

Le rotative Wifag sono considerate come le Rolls Royce delle stampatrici (Wifag)

Ai lettori del "Blick", del francese “Le Monde”, de “La Nacion” di Buenos Aires e del “Dallas Morning News” negli USA il nome Wifag non dice probabilmente nulla.

Ma Wifag è una discreta società di Berna, che produce le macchine tipografiche con cui sono stampati molti giornali nel mondo.

Conosciuta come il produttore delle “Mercedes o Rolls Royce” del settore, Wifag è la quarta compagnia al mondo di presse per giornali.

“Non siamo molto conosciuti dal pubblico perché non offriamo un prodotto di largo consumo”, spiega a swissinfo Noel McEvoy, direttore vendite e marketing.

Privato e discreto

“Siamo una compagnia privata piuttosto discreta, e non abbiamo bisogno di farci conoscere. Ciò che conta è quello che facciamo e continuare a farlo”.

La produzione e vendita di macchinari giganteschi, che possono anche essere più grandi di un campo di calcio è un processo molto complesso.

Non si possono vedere macchine Wifag su di un catalogo o nella sede. Non ci sono stampatrici in magazzino.

Computer che stampano

Queste sono fabbricate su misura da un esercito di specialisti. “In sostanza si può dire che fabbrichiamo computer che stampano. Prima erano sistemi a stampa meccanica”, dice McEvoy.

“Oggi sono sistemi integrati, elettronici, meccanici, elettrici, controllati dal computer e stampano un enorme volume di giornali, colorati e con più pagine”.

L’aspettativa di vita di una stampatrice è di circa 30 anni. A volte, dopo aver reso i propri servizi presso un editore, con una rinfrescata può essere impiegata in un paese poco sviluppato.

Vendere un nuovo esemplare è un esercizio che richiede molta pazienza a causa delle cifre da capogiro che comporta. “In un investimento di alcuni milioni di dollari sono coinvolte molte persone,” precisa McEvoy.

Centenario

La ditta, che impiega circa 800 persone, tra cui circa 100 apprendisti, celebra il suo primo centenario nel 2004.

In tutto il mondo il gruppo Wifag, che comprende altre ditte nel settore dell'industria grafica, impiega 1,400 persone.

Nonostante un ordine di 17 stampatrici per la tedesca "Westdeutsche Allgemeine", che permetterà a Wifag di arrivare tranquillamente fino alla prima metà del 2006, l'attuale clima economico è duro.

"Gli affari non vanno molto bene. I giornali stanno soffrendo con il calo delle entrate pubblicitarie e la diminuzione della tiratura", dice McEvoy.
"È ovvio che non siano molto propensi a fare investimenti. Si deve semplicemente aspettare".

Legati a Berna

La tentazione di trasferire la produzione fuori dalla Svizzera, a costi più competitivi, c’è. Ma Wifag resta a Berna.

“Siamo profondamente ancorati a Berna. Nella nostra ultima seduta di direzione non abbiamo preso in considerazione un trasferimento”.

Come è tipico delle imprese private anche Wifag non pubblica i suoi bilanci. Ma McEvoy sottolinea: “Siamo in buona salute e abbiamo un futuro. E lo celebreremo l’anno prossimo”.

swissinfo, Robert Brookes
traduzione, Raffaella Rossello

Fatti e cifre

La Wifag fu fondata nel 1904. Allora fabbricava biciclette.

"Wifag" è un composto dei cognomi dei due fondatori – Winkler e Fallert.

Il prestigioso quotidiano Neue Zürcher Zeitung si sta modernizzando con macchine Wifag.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×