Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Una manifestazione che fa gola a molte regioni

In Svizzera durante l'Euro giungeranno tifosi da tutta Europa

L'Euro 2008 avrà ricadute soprattutto sulle quattro città svizzere che ospitano le partite. Anche le regioni periferiche vogliono però trarne profitto.

Resta tuttavia una grande incognita: i tifosi rimarranno a Basilea, Zurigo, Berna e Ginevra o approfitteranno del loro soggiorno in Svizzera per scoprire altri angoli del paese?

Nelle quattro città elvetiche che accoglieranno le partite della fase finale dell'Euro 2008 i preparativi fervono. I campionati europei di calcio dovrebbero attirare in Svizzera centinaia di migliaia di appassionati.

A beneficiare di questa manna saranno soprattutto Basilea, Zurigo, Berna e Ginevra. Le regioni periferiche non stanno però a guardare e intendono pure loro approfittare delle ricadute di questo grande evento sportivo.

Il Ticino ne è un perfetto esempio: piuttosto distante dalle città dove si svolgeranno le partite, il cantone a sud delle Alpi è già riuscito a mettere a segno un colpo magistrale.

Pur giocando in Austria, le nazionali tedesca e svedese – quest'ultima attirata forse anche grazie agli incentivi proposti dalla città di Lugano (vedi box) – hanno infatti deciso di stabilire i loro quartieri generali durante i campionati rispettivamente ad Ascona e a Lugano.

Pernottamenti

"Tutto il concetto di Euro 2008 è stato centrato soprattutto sulle quattro città ospitanti, malgrado abbiamo a più riprese cercato di sensibilizzare Svizzera Turismo affinché studiasse delle idee anche per le regioni periferiche", dice a swissinfo Patrick Lardi, responsabile del settore Promozione e comunicazione di Ticino Turismo.

"Quando poi siamo riusciti a portare la Germania a sud delle Alpi, Svizzera Turismo si è accorta che uno dei mercati principali è e rimane il Ticino".

Grazie alla presenza dei calciatori tedeschi e svedesi – e del loro nutrito seguito – il settore turistico ticinese spera di rilanciarsi sul mercato germanico, seducendo un pubblico più giovane, e di conquistarne uno nuovo, quello svedese.

Il Vallese, altro cantone turistico per eccellenza, non è riuscito ad attirare nessuna nazionale. Ma anche qui l'Euro 2008 suscita delle aspettative. Secondo Marco Decurtins, responsabile marketing dei prodotti all'Ufficio del turismo vallesano, alcune persone potrebbero optare per un pernottamento nel cantone: "Con l'apertura della nuova galleria ferroviaria del Lötschberg, il Wankdorf (lo stadio di Berna, ndr) dista ormai solo un'ora dall'Alto Vallese". Molti potrebbero pure essere tentati dalle offerte di prolungamento degli Europei proposte da Svizzera Turismo.

Il cantone sta anche valutando la possibilità di azioni di sponsoring nelle quattro città che ospiteranno le partite. "Cercheremo inoltre di lavorare coi giornalisti che giungeranno in Svizzera e che sicuramente non rimarranno solo a Berna, Basilea, Ginevra o Zurigo", aggiunge Decurtins.

Progetti comuni

Il Giura, altro cantone che pur non essendo molto distante da Basilea si trova un po' ai margini dell'Euro 2008, non può di certo competere con questi due cantoni in materia di infrastrutture alberghiere. Del resto nessuna nazionale lo ha scelto come "campo base".

Anche qui le cose si stanno però muovendo, come conferma la responsabile del marketing di Giura Turismo Toinette Wisard. L'ente turistico ha creato una piattaforma per riservare camere d'albergo nella regione durante l'Euro. Un'iniziativa alla quale si sono associate pure le quattro città che ospiteranno le partite. I tifosi che non troveranno un letto a Basilea, Ginevra, Zurigo o Berna potranno insomma essere "dirottati" nell'arco giurassiano.

Le aspettative sono grandi soprattutto per Delémont, la capitale cantonale. "Durante la grande fiera annuale dell'orologeria Basel World, gli alberghi di Delémont sono al completo", indica Toinette Wisard.

Allergici al calcio?

Per stimolare il turismo di giornata sono allo studio diverse iniziative, tra cui ad esempio la creazione di un "passaporto dei tifosi" sul quale figureranno diversi luoghi da visitare e grazie al quale si potrà partecipare a un concorso, spiega la responsabile del marketing.

Le proiezioni su schermo gigante organizzate sulle piazze di alcune città dovrebbero pure attirare un folto pubblico, con ogni probabilità però più locale. In Ticino, ad esempio, i tifosi potranno seguire le partite nella magnifica cornice di Piazza Grande a Locarno.

Un altro filone che i responsabili del turismo vorrebbero sfruttare è quello delle persone allergiche al calcio. I pascoli e le foreste giurassiane potrebbero essere l'oasi di pace sognata per sfuggire alla grande eco mediatica dell'Euro.

Comportamento dei tifosi

L'impatto a livello di immagine è sicuramente garantito, almeno per il Ticino, che potrà contare su "ambasciatori" d'eccezione come le nazionali tedesca e svedese.

Le ricadute in termini di pernottamenti sono per contro più ardue da valutare. "È difficile sapere come i tifosi reagiranno", osserva Toinette Wisard, "resteranno nelle città dove si svolgono le partite oppure ne approfitteranno per visitare altre regioni della Svizzera?". Inoltre non è detto che i tifosi soggiornino più di un paio di giorni in Svizzera.

Una cosa è però certa – conclude Patrick Lardi – "c'è veramente la voglia di stupire; in Ticino faremo sicuramente fuochi d'artificio".

swissinfo, Daniele Mariani

L'indotto dell'Euro 2008

L'evento sportivo potrebbe generare in Svizzera ricadute economiche fra i 640 e gli 860 milioni di franchi, secondo uno studio commissionato dall'Ufficio federale dello sport.

I principali beneficiari saranno i settori alberghiero e della ristorazione. Effetti positivi dovrebbero esservi pure sull'edilizia, l'industria alimentare, il settore pubblicitario nonché mediatico.

Si stima che l'Euro porterà in Svizzera fra 1 e 1,4 milioni di visitatori stranieri.

Queste previsioni ottimistiche sono in parte smorzate da uno studio condotto da un istituto di ricerca tedesco sull'impatto dei Campionati mondiali di calcio organizzati in Germania nel 2006.

Secondo questo studio, il Mondiale non ha inciso in modo palpabile sull'economia del paese. Le migliaia di visitatori accorsi in Germania avrebbero speso 500 milioni di euro, un impatto congiunturale insufficiente.

Fine della finestrella

Incentivi

La città di Lugano pagherà i biglietti d'aereo della squadra svedese, che disputerà le partite dell'Euro in Austria, per un costo che si aggirerà tra i 70'000 e gli 80'000 franchi.

Secondo Giovanni Cansani, responsabile dello sport e della cultura della città, si tratta di "un investimento" per far conoscere Lugano e i suoi alberghi agli scandinavi.

La squadra tedesca, invece, non dovrebbe costare nulla ai contribuenti ticinesi.

La squadra italiana, dal canto suo, non sborserà un centesimo durante il suo soggiorno all'Hotel Schloss di Weikersdorf in Baden, in Austria. Tutti i costi sono infatti stati presi a carico dal Bundesland dell'Alta Austria.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×