Una squillante tradizione

Il chalandamarz, cioè la cacciata del tetro inverno e il saluto della colorata primavera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2011 - 11:23
Luca Beti, Rolf Amiet, swissinfo.ch

Il primo marzo, i villaggi dell’Engadina vengono invasi da una rumorosa e colorata masnada. Camicia blu e berretto rosso in testa, una quarantina di bambini e ragazzi percorrono le viuzze del paese di Ardez, intonando canzoni e suonando i campanacci in ogni piazza e fontana. Una tradizione raccontata dai giovani protagonisti. (Luca Beti e Rolf Amiet, swissinfo.ch)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo