USS: lo Stato sostenga le casse pensioni

L'Unione sindacale svizzera (USS) è scontenta: secondo l'organizzazione, infatti, non spetta unicamente agli assicurati l'onere di ricapitalizzare le casse pensioni in difficoltà. L'USS sollecita quindi un intervento da parte dello Stato e del padronato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2009 - 12:06

Le rivendicazioni dell'USS sono state presentate lunedì, alla vigilia del termine ultimo entro il quale le casse pensioni devono annunciare i loro problemi di sottocopertura e la strategia di risoluzione.

Colette Nova, segretaria centrale dell'USS, ha espresso sconcerto in merito alla situazione attuale: la Confederazione ha deciso di versare 68 miliardi di franchi ai responsabili della crisi finanziaria mondiale, ma non sembra intenzionata a intervenire per soccorrere le vittime, ossia gli assicurati delle casse pensioni.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo