Utili e risultati in crescita nei primi sei mesi per EMS-Chemie

Christoph Blocher, a capo della EMS Keystone

Il gruppo Ems-Chemie di Christoph Blocher ha realizzato nel primo semestre 2001 un utile operativo (EBIT) di 105 milioni di franchi, in progressione del 4% rispetto ai primi sei mesi dell'anno scorso. L'utile netto è salito del 18,3% a 123 milioni di franchi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2001 - 14:58

Il fatturato è cresciuto dell'11,8%, raggiungendo 644 milioni di franchi, indica venerdì un comunicato del gruppo attivo nei polimeri, chimica fine ed ingegneria. Contrariamente a quanto annunciato, i risultati Axantis - rilevato nel marzo 2001 - non sono stati ancora consolidati. Per rispettare i termini legali, la fusione Axantis-EMS Chemie potrà diventare effettiva solo in novembre.

Per la seconda metà dell'anno la società si aspetta una progressione a due cifre del giro d'affari. Le vendite dovrebbero crescere di 10 punti percentuali. L'utile operativo non riuscirà a tenere il passo con questa crescita, ma dovrebbe raggiungere il livello dell'anno scorso (213 milioni di franchi).

Gli investitimenti sono stati finanziati cash flow. Come per gli anni precedenti il capitale disponibile dovrebbe raggiungere, nel 2001, almeno i due terzi dell'intero cash flow. Anche il risultato finanziario dovrebbe raggiungere il livello dello scorso anno, 102 milioni di franchi.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo