Venti tempestosi spazzano l'altopiano

Una delle molte piante sradicate dalla violenza dei venti Keystone

Forti venti tempestosi di oltre 100 chilometri orari hanno spazzato l'Altopiano nelle prime ore di domenica causando disagi al traffico ferroviario e stradale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2002 - 16:48

I problemi si sono concentrati specialmente nei cantoni di Berna, Argovia e Soletta dove alberi sradicati hanno ostruito numerose strade. Interrotta momentaneamente anche la corrente elettrica, ma non si segnalano feriti.

Sul lago di Zurigo varie imbarcazioni hanno rotto gli ormeggi; danni anche nei cantoni di Sciaffusa e Turgovia. Nella zona del Lago di Costanza malgrado raffiche fino a 120 Km/h non vi sono invece stati particolari inconvenienti, indica la polizia cantonale di San Gallo.

A Rupperswil (AG), l'Intercity Zurigo-Interlaken è andato sbattere contro un albero caduto sui binari che ha danneggiato anche la linea elettrica. Il traffico ferroviario sul tracciato Berna-Zurigo è proseguito su un solo binario, ha indicato Danni Härri, portavoce delle FFS.

La tratta Soletta-Burgdorf (BE) è pure rimasta inagibile fino in serata: i forti venti hanno causato danni in ben tre punti alla linea di contatto. Per i passeggeri è stato allestito un servizio sostitutivo di autobus, ha comunicato la compagnia regionale Mittelland SA.

Anche il traffico stradale è rimasto perturbato dalla caduta di alberi. Particolarmente forti le raffiche di vento a nord della città di Berna, ma anche nella campagna friburghese e in varie località del Giura. Verso mezzogiorno e nel primo pomeriggio l'intensità delle raffiche è andata scemando fino al ritorno alla normalità: quasi ovunque il vento ha lasciato il posto ad una leggera pioggia. Niente neve, se non sopra i 1600 metri, a causa della temperatura troppo alta per la stagione.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo