Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Volano gli utili della Holcim

Le acquisizioni - nella foto una fabbrica in India - hanno contribuito a rafforzare la posizione della Holcim (foto: Holcim)

Il fabbricante di cemento Holcim ha fortemente consolidato la sua posizione lo scorso anno, battendo tutti i record dei suoi 94 anni di storia.

Il secondo più grande produttore del mondo ha registrato un utile netto di 1,54 miliardi di franchi, il 74,8% in più dell'anno prima.

Grazie al clima economico favorevole e alle acquisizioni effettuate, il fabbricante di cemento Holcim ha registrato nell'esercizio 2005 una cifra d'affari di 18,46 miliardi di franchi, il 39,8% in più rispetto all'anno precedente.

L'andamento positivo è confermato pure dalle altre cifre comunicate mercoledì dalla società: l'utile netto è cresciuto del 74,8% a 1,54 miliardi di franchi, mentre il risultato operativo è progredito del 47,3%, attestandosi a 3,31 miliardi. Gli analisti avevano previsto un utile di poco inferiore agli 1,5 miliardi.

Visti i buoni risultati, il gruppo con sede a Zurigo aumenterà il dividendo di 40 centesimi a 1,65 franchi.

Crescita in tutti i settori

In tutti i comparti principali del gruppo è stata registrata una crescita. Le forniture di cemento sono passate da 102,1 a 110,6 milioni di tonnellate, quelle di aggregati addirittura da 104,2 a 169,3 milioni di tonnellate e quelle di calcestruzzo da 29,3 a 38,2 milioni di metri cubici.

Stando alla nota della Holcim, in tutti i mercati gli affari sono stati buoni. In Europa, il gruppo ha potuto trarre beneficio dall'acquisto della britannica Aggregate Industries, rilevata all'inizio dell'anno per un importo di quattro miliardi di franchi.

"Significativi progressi" sono stati compiuti in Nord America: l'utile prima della deduzione di tasse, deprezzamento e ammortamenti (EBIDTA) ha fatto segnare in questa regione un aumento del 68,4% a 928 milioni, mentre in Europa la progressione è stata del 33,5% a 1,6 miliardi.

Espansione in Asia

Anche sui mercati dell'America Latina, dell'Africa e del Medio Oriente i risultati sono cresciuti, seppur in una percentuale più contenuta.

In Asia, dove il mercato è in piena espansione, la Holcim ha recentemente deciso di entrare in forze in India, acquistando parte del capitale del numero tre del settore nel paese.

Per quanto concerne l'anno in corso, la Holcim si dice fiduciosa: "le attività nell'edilizia dovrebbero rimanere favorevoli", si legge nel comunicato.

L'aumento dei costi dell'energia, dovrebbe poter essere compensato grazie a una gestione più efficace e a un incremento dei prezzi.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Utile netto del gruppo nel 2005: 1,54 miliardi di franchi (+74,8% rispetto al 2004)
Risultato operativo: 3,316 miliardi (+47,3%)
Cifra d'affari: 18,468 miliardi (+39,8%)
Quantità di cemento vendute: 110,6 milioni di tonnellate (nel 2004 102,1 milioni)
Aggregati: 169,3 milioni di tonnellate (104,2)
Calcestruzzo: 38,2 milioni di metri cubici (29,3)

Fine della finestrella

In breve

La Holcim, numero due mondiale del cemento, è stata fondata nel 1912 con il nome di Holderbank e ha oggi la sua sede principale a Zurigo.

Già a partire dagli anni '20 la ditta ha iniziato la sua espansione all'estero, visto che il mercato svizzero si era subito rivelato troppo piccolo per le sue ambizioni.

La multinazionale, che nel 2001 ha abbandonato il suo nome originale, è oggi presente in più di 70 paesi in tutti i continenti ed ha alle sue dipendenze circa 61'000 persone, di cui 1200 in Svizzera.

Le sue attività si concentrano su cemento, calcestruzzo e aggregati.

L'industriale Thomas Schmidheiny è uno dei principali azionisti del gruppo.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza