Zugo e Zurigo sempre ai vertici

Zugo e Zurigo rimangono i cantoni economicamente più attrattivi della Svizzera per i privati e le imprese, secondo la classifica stilata dal Credit Suisse. Basilea Città guadagna quattro posizioni rispetto al 2004 e si piazza al terzo rango, davanti a Ginevra.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2009 - 13:54

Lo studio realizzato dalla seconda banca svizzera si basa sul cosiddetto indicatore della qualità della localizzazione (IQL), che prende in considerazione fattori come la pressione fiscale per le persone fisiche e quelle giuridiche, il livello di formazione e la qualità dei trasporti.

Come già negli ultimi cinque anni, da quando cioè il Credit Suisse ha iniziato a stilare una simile classifica, Zugo e Zurigo si piazzano al primo e secondo rango. Cantoni centrali come Basilea Città e Ginevra - che si trovano in terza e quarta posizione – sono probabilmente meno attrattivi a livello fiscale, ma vantano una vasta rete di trasporti pubblici, sottolineano gli autori dello studio.

Sui 26 cantoni svizzeri, il Ticino è soltanto 21°, penalizzato soprattutto da una scarsa competitività in materia di formazione e trasporti. Risultato leggermente migliore per i Grigioni, al 19° rango, un cantone che negli ultimi anni è riuscito a migliorarsi grazie a "una politica della localizzazione affrontata con impegno". Fanalini di coda rimangono invece il Vallese (23°), Neuchâtel (24°), Uri (25°) e il Giura (26°). Per questi cantoni, la posizione periferica e una difficile conformazione del territorio si traducono in bassi valori di raggiungibilità.

La valutazione del 2009 – concludono gli autori dello studio – mostra gli effetti di una fase di intensa competizione fiscale fra i cantoni, molti dei quali sono stati in grado di aumentare la loro attrattiva anche grazie alla nuova perequazione finanziaria (NPC) e ad anni di elevati introiti per le finanze pubbliche.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo