Zurich Financial Service rafforza la posizione in Europa

Keystone

Scudder, l'asset manager statunitense di Zurich Financial Services viene venduto alla Deutsche Bank per 2,5 miliardi di dollari.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2001 - 11:44

In contropartita della vendita di Zurich Scudder Investments, società attiva nella gestione patrimoniale,0 il gruppo finanziario-assicurativo Zurich Financial Services (ZFS) rileva il polo assicurativo della banca tedesca. Con questa operazione Deutsche Bank diventa proprietaria del 100 per cento della società americana Scudder Investments. La transazione si tradurrà in introiti netti pari a 700 milioni di dollari per il gruppo zurighese.

L'intesa di massima non riguarda Threadneedle Investments, la filiale londinese di Zurich Scudder Investments, nella misura in cui tale società è parte integrante delle attività assicurative della Zurigo in Inghilterra.

Il gruppo elvetico acquista dal canto suo il 75,9 per cento della Deutsche Herold e il 100 per cento delle attività assicurative nel ramo vita della Deutsche Bank in Italia, Spagna e Portogallo. Il valore della transazione è stimato a 1,5 miliardi di euro (2,2 miliardi di franchi), precisa il gruppo zurighese in una nota diramta martedì. La differenza di prezzo sarà versata in contanti.

All'accordo di principio, sottoscritto in una lettera di intenti siglata lo scorso 24 settembre, le parti hanno aggiunto l'acquisto del 100 per cento da parte di ZFS della Bonnfinanz (assicurazione e gestione istituzionale). In contropartita Deutsche Bank integrerà le attività di gestione patrimoniale di ZFS in Germania e Italia.

L'insieme delle transazioni dovrà ancora ottenere il nulla osta delle autorità di sorveglianza. I vertici di ZFS si attendono una risposta nel corso del primo semestre del 2002.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo