Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Brexit Theresa May in giro per l'Europa in cerca di nuove concessioni

Uno spettro si aggira per l'Europa e ha le sembianze conservatrici di Theresa May. La premier è alla ricerca affannosa, in tour per il continente, di qualche concessione supplementare dall'Ue.

may

Theresa May in tour in Europa cercando qualcuno che la sostenga

Il tutto per provare a rimettere in carreggiata l'accordo sulla Brexit, dopo l'umiliante slittamento in extremis del voto sulla ratifica parlamentare, di fronte a una bocciatura ormai certa a Londra, e il rinvio della resa dei conti a un futuro approssimativo: "prima del 21 gennaio".

Arrivata nel pomeriggio a Bruxelles a conclusione di una girandola di incontri - in mattina all'Aia con Mark Rutte, a pranzo a Berlino con Angela Merkel e compagni - la premier britannica ha incassato qualche mano tesa e manifestazioni di comprensione, ma anche le preventivate dichiarazioni ufficiali di fermezza sul fatto che l'intesa sottoscritta - nella sua voluminosa sostanza di 585 pagine - "non si tocca". 

"È l'unica sul tavolo", come ha ribadito il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker. E non è rinegoziabile, come le ha ricordato faccia a faccia la cancelliera Merkel, all'unisono con altri.

"Vogliamo aiutare, la questione è come", ha concesso il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, sforzandosi di lasciare aperto un mezzo spiraglio, dopo un confronto con l'ospite d'oltremanica definito peraltro "franco": aggettivo che in diplomazia si usa quando la quadratura del cerchio non c'è.

Sul piede di guerra

A Londra, del resto, ad aspettare il ritorno della premier sul piede di guerra sono in molti. Nel Partito Conservatore riprendono fiato le voci di una potenziale sfida alla sua leadership da parte dei falchi brexiteer più oltranzisti. E si scatena una mezza rissa anche fra il governo e lo speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, sospettato di non essere abbastanza imparziale dalla stizzosa ministra Andrea Leadsom.

Mentre le opposizioni - pur divise sui tempi d'una mozione di sfiducia contro l'esecutivo e sulla scommessa preferenziale fra l'opzione delle elezioni anticipate e quella di un referendum bis come alternativa al caos - tuonano contro la vaghezza delle rassicurazioni sulla scadenza limite del 21 gennaio per un nuovo voto di ratifica dell'accordo. "Basta rinvii e trucchi - intima da Westminster il leader laburista Jeremy Corbyn -, il primo ministro permetta al Parlamento di votare o se ne vada".

tvsvizzera.it/fra con RSI

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.