Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Dimezzato il MCG Crolla la destra anti frontalieri a Ginevra

(1)

Terremoto alle legislative di Ginevra

L’intasamento a destra ha fatto resuscitare i partiti tradizionali di centro e la sinistra a Ginevra dove oggi si sono tenute le elezioni cantonali.

Nel Gran Consiglio perde infatti 3 seggi l’Unione democratica di centro (UDC), il Mouvement citoyens genevois (MCG) - noto per le sue battaglie contro i frontalieri francesi - scende da 20 a 11 mandati e la nuova formazione del suo ex leader Eric Stauffer, Genève en Marche, non raggiunge il quorum del 7% per entrare nel parlamento cantonale.

Si rafforzano invece gli altri partiti: i liberali radicali (PLR) passano da 24 a 29 seggi, i Verdi ne guadagnano 5 (15), il PS aumenta di due da 15 a 17 e il PPD di uno da 11 a 12. Ensemble à Gauche conserva invece il suo bottino di 9 seggi.

Analogo andamento nello scrutinio per il governo che vede eletto al primo turno solo l’uscente Pierre Maudet, - già candidato di peso al Governo federale - seguito a notevole distanza  dal collega di governo Mauro Poggia, del Mouvement citoyens genevois (MCG).

Grande sconfitto di queste elezioni è il democristiano (PPD) Luc Barthassat, giunto solo nono: la conferma per il responsabile ginevrino del Dipartimento ambiente, trasporti e agricoltura si preannuncia complicata.

(2)

Da Ginevra Riccardo Bagnato

tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 15.4.2018)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.