Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Export bellico Armi svizzere anche a chi è in guerra civile

Operaio di una ditta d'armamenti monta o forse collauda il cannone di un carro armato

Al lavoro all'interno dello stabilimento della Ruag.

(Keystone)

In futuro, all'industria svizzera sarà consentito, a determinate condizioni, di esportare materiale bellico anche verso Paesi implicati in un conflitto armato interno. La ho ha deciso venerdì il Consiglio federale.

Il governo svizzero ha incaricato il DipartimentoLink esterno federale dell'economia di sottoporgli una proposta di modifica della relativa ordinanza, allo scopo di preservare -con un aumento dell'export- una capacità industriale adeguata alle esigenze della difesa nazionale.

Attualmente, le esportazioni di armamenti non sono possibili se il Paese di destinazione è implicato in un conflitto, che sia esso internazionale o interno. Il tipo di materiale e il destinatario finale non danno luogo ad alcuna distinzione.

Questione di flessibilità

Una modifica dell'OrdinanzaLink esterno, secondo il governo, permetterebbe di valutare in maniera più flessibile le singole richieste d'esportazione, pur mantenendo gli obblighi internazionali della Svizzera e i suoi piani di politica estera.

In altre parole, potrà essere concessa un’autorizzazione se non vi è motivo di supporre che il materiale sia impiegato nel conflitto armato e la deroga non sarebbe applicata ai Paesi dove sono in corso guerre civili conclamate, come la Siria o lo Yemen

(1)

Servizio del TG sul previsto allentamento delle restrizioni all'export svizzero di armi sostenuto dal Consiglio federale

Dalle file della sinistra (PS, Verdi), non si sono fatte attendere le reazioni negative. Dalla destra, è invece giunto un plauso alla misura.

In questione la neutralità

Con l'allentamento delle restrizioni all'export bellico, scrivono i contrariLink esterno, il governo si inchina all'industria delle armi e mette in pericolo la neutralità elvetica e il suo potenziale come mediatore imparziale nei conflitti.

Per contro, l'UDC (destra conservatrice) "accoglie positivamente" la decisione poiché aiuta a preservare 10'000 impieghi del settore in Svizzera. La neutralità non sarebbe in discussione, poiché si parla di conflitti che coinvolgono un solo Stato.

(2)

Collegamento col corrispondente a Berna, sul tema allentamento restrizioni all'export bellico svizzero

(3)

In un grafico, i principali paesi d'esportazione del

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 15.06.2018)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.