Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Trasporti aerei Pagare di più i voli per compensare il CO2, serve?

Parte finale di una scala mobile in ambiente aeroportuale; due persone col trolley e cartelli indicatori

Se il contributo volontario non è proposto direttamente dalla compagnia aerea al momento dell'acquisto, si può far capo ad apposite piattaforme.

(© Keystone / Georgios Kefalas)

Sempre più passeggeri, in Svizzera, scelgono di pagare un supplemento o contributo volontario sui biglietti aerei per compensare le proprie emissioni di CO2. Una scelta favorita dalla cattiva reputazione che i trasporti in aeroplano hanno acquisito in un periodo di forti proteste contro i cambiamenti climatici. Ma come vengono spesi quei soldi?

Notizia di martedì, in Svizzera nel 2018 le emissioni di CO2 generate dai carburanti (benzina e diesel) sono rimaste invariate rispetto all'anno precedente. È quanto emerge dalla statistica annualeLink esterno dell'Ufficio federale dell'ambiente UFAMLink esterno.

Si rilevano sì un maggior impiego di biocarburanti (+36%, al 3,5% del totale) e una quota crescente di mobilità elettrica nel traffico stradale, ma anche un maggior numero di chilometri percorsi e un aumento delle vetture ad alta intensità di emissioni. Inoltre, il settore degli edifici fa ancora ampiamente uso di olio o gas per riscaldare.

Le emissioni rimangono quindi al livello del 2017, ossia a +3,3% rispetto al 1990.

In un grafico, le emissioni di CO2 da carburante in Svizzera negli ultimi 30 anni.
(Ufficio federale dell'ambiente UFAM)

Compensazione dei voli

Intanto, il dibattito e le proteste a favore dell'ambiente hanno portato sul banco degli imputati i viaggi in aereo.

La piattaforma MyClimateLink esterno ha registrato un aumento del 400% in un anno di passeggeri che insieme al biglietto acquistano una compensazione del CO2, e la tendenza è al rialzo. 

Possono dunque volare con la coscienza pulita? Come e a quali progetti sono destinati i fondi raccolti con i supplementi?

(1)

Servizio del TG sulla crescente abitudine dei passeggeri aerei di compensare le emissioni e sul senso della cosa

Nel servizio del TelegiornaleLink esterno della Radiotelevisione svizzera RSI, l'intervista al portavoce di MyClimate Kai Landwehr e un parere del climatologo dell'Università di Berna Fortunat Joos sull'utilità della compensazione.

Fine della finestrella

tvsvizzera.it/rsi con RSI (TG del 16.07.2019)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.