Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Anniversario dei Trattati di Roma "L'UE? Un pane mezzo cotto"

"L’Europa è come un pane: mezzo crudo e mezzo cotto. Mi auguro che venga cotto del tutto". Romano Prodi ricorre a una metafora culinaria per descrivere lo stato in cui versa l’Unione Europea. L’ex presidente della Commissione europea e già premier italiano, all’approssimarsi delle celebrazioni per i sessant’anni dei Trattati di Roma, guarda al futuro con preoccupazione ma anche ottimismo, come spiega nell'intervista concessa a Modem.

Romano Prodi, presidente della Commissione UE dal 1999 al 2004.

Romano Prodi, presidente della Commissione UE dal 1999 al 2004.

(Keystone)

Nuove difficoltà e mancanza dei leader del passato

La preoccupazione è dovuta al contesto. "Concorrenza, crisi economica... portare avanti l'unione fra i paesi europei è più difficile oggi e i rischi di dissoluzione non mancano". Oltretutto in Europa si sente la mancanza dei "grandi di leader" del passato. E comunque l’anno della verità non sarà questo bensì il prossimo, perché "il 2017 è un anno elettorale che non cambierà gli equilibri: l'Olanda ha respinto i populismi, per la Francia sono fiducioso e in Germania comunque vada la politica europea non verrà modificata".

Le incognite Brexit e Trump

C’è la Brexit certo e le trattative si annunciano "durissime". Dall’altra parte però - spiega allla RSI Romano Prodi – "il nuovo presidente americano Trump sta attaccando l’Europa per dividerla e questo sta compattando l’Ue". In questo senso l’apertura di Angela Merkel all’idea di un’Europa a due velocità è una conseguenza del trumpismo, rileva ancora il Professore.

"La Svizzera è un'eccezione"

La Svizzera osserva attendista l’evolversi della situazione. Ma, un paese che ce la fa da solo fuori dall’UE non è la dimostrazione che stare dentro non è una necessità per sopravvivere nel mondo globale? Attenzione, sottolinea l’ex presidente del Consiglio italiano, “non ci possono essere più Svizzere. La Svizzera è un’eccezione. Specializzata in settori come la ricerca e i servizi finanziari, prestazioni che offre nel mondo globale. Ma non ci possono essere tanti paesi che svolgono questa funzione. E poi la Svizzera, lo sappiamo, è la più brava al mondo a usare gli interstizi. Ma gli interstizi non sono molti".

subscription form

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×