Niente adesione L’Europarlamento contro la Turchia

I deputati chiedono di congelare il negoziato di adesione all’UE a causa della reazione di Ankara dopo il tentato golpe

Gli europarlamentari hanno chiesto un arresto temporaneo per negoziati di adesione della Turchia all'UE. Ne è causa la reazione "sproporzionata" di Ankara dopo il fallito colpo di stato di metà luglio.

I membri del Parlamento hanno votato a favore solidamente di una mozione non vincolante sollecitando la Commissione europea e i Governi nazionali a congelare negoziati in corso. L'eventuale reintroduzione della pena capitale, si legge nel testo approvato oggi, dovrebbe portare a una sospensione formale del processo di adesione.

L'aula di Strasburgo ha approvato la risoluzione (sostenuta dai quattro principali gruppi parlamentari) con 479 voti a favore, 37 contro e 107 astenuti.

Nella risoluzione votata giovedì, gli eurodeputati dichiarano che la Turchia deve tuttavia restare ancorata all'UE, per l'importanza strategica delle relazioni. Si impegnano a rivedere la loro posizione se saranno revocate le misure repressive. Azioni, si legge, che "allontanano ulteriormente il Paese dal suo percorso europeo"

RSInewsLink esterno

×