Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Nuova legge


Primo divieto per una missione mercenaria all’estero


Di Dominik Meier, Radio SRF


Per la prima volta, la Svizzera ha vietato a una società attiva nel campo della sicurezza di effettuare una missione all’estero. La decisione si basa su una nuova legge adottata dal parlamento dopo il polverone sollevato a causa delle attività di alcune ditte di mercenari con sede in Svizzera.

I mercenari di una società di sicurezza a Bagdad, nel settembre 2007. (AFP)

I mercenari di una società di sicurezza a Bagdad, nel settembre 2007.

(AFP)

Ad essere colpita dalla misura è una società che voleva addestrare soldati in un paese straniero e fornire «sostegno logistico» alle forze armate locali. La decisione è stata presa poche settimane fa dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), sulla base delle nuove prescrizioni che riguardano le società di sicurezza.

Fulvio Massard, della Direzione politica del DFAE, ha confermato la notizia alla radio SRF: «Finora sono state effettuate cinque procedure di controllo e in un caso è stato pronunciato un divieto. Questo divieto riguarda un’attività nel campo del sostegno e della formazione di forze militari e di sicurezza». Il DFAE non ha comunicato il nome della società in questione e in quale Stato si sarebbe dovuta svolgere l’attività. Anche i motivi per cui è stato spiccato un divieto non sono stati resi noti.

Il DFAE può vietare quelle attività che mettono in pericolo la neutralità svizzera o che rischiano di violare i diritti umani. Lo stesso vale quando entrano in gioco elementi quali la sicurezza della Svizzera e i suoi obiettivi di politica estera.

La legge è entrata in vigore un anno fa. Da allora si sono annunciate 20 società per un totale di 200 missioni all’estero. Nella maggior parte dei casi si tratta di operazioni di protezione di persone o oggetti, oppure di spionaggio e controspionaggio.

Probabile aumento delle richieste

Il rappresentante del DFAE Fulvio Massard ritiene probabile che i casi da esaminare aumenteranno: «In questo momento siamo in contatto con diverse aziende per chiarire quali delle loro attività sottostanno alla legge. Per questo prevediamo un aumento delle notificazioni».

In generale, il settore della sicurezza è un ramo piuttosto riservato. Le più grandi società svizzere, Securitas e Protectas, fanno parte dell’Associazione delle imprese svizzere dei servizi di sicurezza. Questa organizzazione ombrello annovera membri attivi praticamente solo all’interno del paese.


Traduzione di Daniele Mariani

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×