Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Energia verde


Svizzera in ritardo in materia di energie rinnovabili


L'energia eolica deve far fronte a molti detrattori in Svizzera.  (Keystone)

L'energia eolica deve far fronte a molti detrattori in Svizzera. 

(Keystone)

Rispetto alla maggior parte dei paesi europei, la Svizzera produce poca energia solare ed eolica. In un anno ne vengono prodotti solo 170 kilowatt/ora pro capite, una quantità appena sufficiente per far funzionare un frigorifero, stando a uno studio pubblicato martedì.

Malgrado dei passi in avanti – negli ultimi 15 anni la produzione di energia solare pro capite è cresciuta di 15 volte e quella di energia eolica di tre – la Svizzera figura solo al 25esimo rango sui 29 paesi analizzati nello studio della Fondazione svizzera dell’energia.

Solo Slovenia, Slovacchia, Ungheria e Lettonia producono meno energia solare e eolica pro capite della Confederazione. Danimarca (2'619 Kwh pro capite), Svezia (1'704 Kwh) e Germania (1'556 Kwh) sono in testa alla classifica.

Secondo la Fondazione svizzera dell’energia, il motivo del ritardo è da ricercare in investimenti insufficienti.

«È semplice: non vi sono abbastanza soldi per promuovere l’energia solare o eolica», sottolinea la responsabile del progetto della fondazione Myriam Planzer.

Circa 37’000 progetti sono tuttora in attesa di poter beneficiare della cosiddetta ‘rimunerazione a copertura dei costi’, lo strumento contemplato dalla Legge federale sull’energia per promuovere la produzione di energia rinnovabile. Questo sistema copre la differenza tra il costo di produzione e il prezzo di mercato, garantendo ai produttori di elettricità da fonti rinnovabili un introito corrispondente al costo di produzione.

Se questi progetti dovessero vedere la luce, la Svizzera passerebbe al 12esimo rango della classifica, secondo Myriam Planzer.

Lo studio non prende però in considerazione l’energia idroelettrica, che rappresenta circa il 60% della produzione domestica. Questa fonte energetica, prodotta grazie alle numerose dighe alpine, avrebbe chiaramente fatto compiere un balzo in avanti alla Svizzera. La decisione di tralasciare l’energia idroelettrica è stata però presa consciamente.

«Il vero potenziale per una crescita delle energie rinnovabili viene dal sole e dal vento. Si stima che l’idroelettrico potrebbe infatti essere potenziato al massimo solo del 5%», spiega Myriam Planzer.

swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×