Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Iniziativa popolare


Combattere la fame vietando la speculazione sui beni alimentari


Di swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 14.12.15)


La campagna sull’iniziativa popolare «Contro la speculazione sulle derrate alimentari», lanciata dai giovani socialisti, è iniziata lunedì. La proposta è in votazione il prossimo 28 febbraio.

L’obiettivo numero uno dell’iniziativa, presentata lunedì a Berna, è di combattere la fame nel mondo. Inoltre, con questo testo si vuole stabilizzare i prezzi delle materie prime agricole – come mais, grano e soia – per aiutare i contadini, le industrie del settore alimentare e non da ultimo i consumatori.

I promotori dell’iniziativa chiedono che in Svizzera siano vietati gli investimenti nelle materie prime agricole e più in generale sulle derrate alimentari.

«Questa iniziativa è necessaria per fermare il business della fame», ha detto la direttrice di Swissaid Caroline Morel. «Oggi nel mondo 800 milioni di persone soffrono di fame ed è uno scandalo. Se da una parte le speculazioni con le derrate alimentari non sono necessarie per garantire l'andamento degli affari, dall'altra aumentano i prezzi e le oscillazioni dei prezzi. E questo per le famiglie povere, nei paesi in via di sviluppo, significa fame e povertà».

Tuttavia, nel settore delle materie prime agricole, sono in molti a contestare il legame tra investimenti e aumento dei prezzi.

Sia il parlamento, sia il Consiglio federale respingono l'iniziativa, ritenendo l'obiettivo lodevole, ma il metodo sbagliato. In riferimento ai forti aumenti di prezzo registrati nel 2008 e nel 2011, ad esempio, il governo ritiene che a pesare non siano state le speculazioni ma le condizioni meteo sfavorevoli e il bassissimo livello di scorte.

La decisione finale, il prossimo 28 febbraio, spetterà a popolo e cantoni.

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×